rotate-mobile
Costume e società

Alla scoperta delle drogherie storiche di Genova: tre botteghe da visitare

Presenti tanto nei "caruggi" quanto nei quartieri più moderni, sono le botteghe che contengono tutto ciò che serve per la casa, dalle spezie ai detersivi, dal legumi al caffè

Genova e il suo centro storico vantano più di quaranta botteghe storiche, ovvero quei negozi, quelle pasticcerie, quelle farmacie che portano avanti la tradizione di famiglia da almeno 50 anni. Hanno gli arredi delle epoche, utilizzano spesso gli stessi strumenti del mestiere o comunque ne custodiscono gelosamente i pezzi ormai d’antiquariato. Dal 2011, queste botteghe sono tutelate, grazie ad un accordo tra Soprintendenza, Comune e Camera di Commercio, dall’Albo delle Botteghe storiche, primo nato in Italia. Questi locali raccontano un pezzo di storia della nostra città, si legano alle vicende di numerose famiglie genovesi che spesso li vedono come luoghi del cuore. Oggi vogliamo parlarvi di quelle botteghe che, con i loro profumi e sapori, fanno tornare immediatamente bambini: le drogherie storiche. 

Nel 1930 in via San Bernardo è nata Torielli, drogheria che conserva nei suoi scaffali oltre 250 tipi di spezie provenienti da tutti e cinque i continenti. La bottega è piccola ma contiene, all’interno di vasi di vetro con etichette scritte a mano, tutto quello che serve: caffè, miele, cioccolato, essenze, caramelle. Gli arredi sono in stile liberty, con un bancone di legno laccato bianco, scaffali, vetrine e tanti piccoli cassetti; c’è anche un macinino e una macchina per tostare d’antan. 

Passeggiando per le vie dello shopping, in via Colombo ci si imbatte nella colorata vetrina di Viganego. Drogheria coetanea di Torielli, aperta sempre nel 1930, vende tutti i tipi di spezie tra cui paprica, cumino, curcuma, pepe rosa oltre che polvere di borace, polvere di bianchetto, cera vergine, pani di pomice e tanto altro. Conserva gli arredi originali e oggetti dell’epoca come i sei barattoli in latta decorati, ancora utilizzati ogni giorno, la bilancia a due piatti con specchi del 1930, un registratore di cassa del 1920 e due insegne con lettere intagliate nel legno dei primi del Novecento.

Pur non facendo parte dell'Albo delle botteghe storiche, anche l’Antica Drogheria di Canneto vanta i suoi anni. Permette di fare la spesa come una volta, raccogliendo al suo interno tutto quello che quotidianamente serve: cereali sfusi, pasta, legumi, biscotti, prodotti per la pulizia della casa, il tutto disposto in barattoli di vetro tutti diversi tra loro o in grossi sacchi posati sul pavimento.

La spesa al supermercato è comoda e veloce, ma il fascino di alzare il dito e chiedere “un etto di mentine”, per poi uscire dalla bottega con un sacchetto di carta tra le mani, è tutta un’altra storia.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alla scoperta delle drogherie storiche di Genova: tre botteghe da visitare

GenovaToday è in caricamento