rotate-mobile
Costume e società

Dove andare per funghi a Genova e dintorni: idee per i weekend d’autunno

Bastone, cestino, scarpe comode e tanta voglia di esplorare i boschi: ecco gli ingredienti essenziali per diventare fungaioli, ma attenzione alle regole da seguire

I funghi spuntano da un momento all’altro e i luoghi dove andare a cercarli sono, per ogni vero fungaiolo, segreto assoluto. Chi ha la passione di ”andare per funghi” non svela mai i suoi trucchi e custodisce gelosamente la mappa dei luoghi più strategici. In linea di massima, sappiamo che bisogna cercare i funghi in luoghi umidi e ombrosi e, dato che la Liguria, con il 73% di territorio verde, è la regione italiana con il più elevato indice di boscosità, l’impresa non è così impossibile. Noi qui elencheremo soltanto qualche posto dove andare in missione. Ma prima dell’elenco, ecco qualche semplice regola da seguire quando si va per funghi.

  • Non sempre è semplice riconoscere un fungo commestibile da uno velenoso; una volta che li avete raccolti, fateli controllare: nelle ASL Liguri viene svolto il controllo micologico
  • In Liguria sono presenti 29 consorzi per la raccolta dei funghi per cui sono necessari tesserini, bisogna sempre controllare dove si trovano prima di cominciare la raccolta.
  • Ci sono poi alcune regole di base da rispettare: raccogliere al massimo tre chili al giorno per persona, non bisogna utilizzare borse di plastica o zaini chiusi e non si possono usare rastrelli o uncini nei boschi.
  • Conviene pulire i funghi con un coltello sul luogo, prima di portarli via, per spargerne le spore nel bosco, e sempre meglio non raccogliere quelli con un cappello inferiore ai 4 centimetri.

Nell’entroterra di Genova l’autunno nasconde molte sorprese: da ponente a levante, infatti, si trovano boschi ombrosi e umidi. In Valle Scrivia, a BusallaRonco ScriviaCasella e Crocefieschi basta poco per inoltrarsi in boschi di castagno profumati di porcini.

A Sant’Ilario la produzione è limitata, ma la qualità altissima. Stessa cosa vale per gli ovoli e i porcini che potete trovare nel comune di Mele, sopra a Voltri ma anche in Val Polcevera tra Campomorone e Mignanego, ma anche tra Torrazza e Sant’Olcese. Anche l’alta Val Bisagno e le sue località di Trapena, Bargagli e Traso nasconde tanti funghi, ma presenta zone impervie dove è saggio andare solo se in ottime condizioni fisiche.

In Valle Stura, a Masone, Campo Ligure, Rossiglione, il Monte Orditano, il Monte Taccone e il Monte Leco, si trovano zone di boschi di castagno dove è possibile incontrare ovuli e porcini.

La Valfontanabuona nella sua parte alta, è poco frequentata e ricca di boschi, contando che la vecchia SP 77 è ormai un luogo selvatico di cui la natura si sta riappropriando. Lumarzo, Pannesi, Tassorello, Boasi e Ne sono famosi luoghi da funghi.

In Valtrebbia, sotto i castagni, si può trovare qualcosa di raro, soprattutto nei dintorni di Brugneto, Torriglia, Fontanigorda e Montoggio. Seguendo la SS45, arrivando a Montebruno ci si imbatte proprio nella sede di una nota Festa del fungo e poi, a Rovegno, nel luogo dove molto pregiato è il “barbexin”, chiamato anche “grifone”, “grifola” e “ramassun”: un fungo che si sviluppa sui castagni tagliati di recente e che può raggiungere dimensioni notevoli.

La Val D’Aveto merita un capitolo a sé. D’autunno i suoi boschi ne fanno uno dei luoghi prediletti per i fungaioli. Partendo da Santo Stefano d’Aveto si avranno sempre davanti boschi sconfinati, dalle Foreste demaniali delle Lame, al monte Penna, al monte Zatta su, fino a sconfinare in Emilia Romagna al passo del Tomarlo. Ma attenzione alle norme del Parco dell’Aveto: necessario il tesserino, acquistabile alla Sede del Parco a Borzonasca, nei comuni circostanti o online, dal costo di 5 o 10 euro al giorno (se residenti o non) oppure 70 o 150 euro all’anno. Il Parco dell'Aveto gestisce anche i tesserini per la raccolta funghi nelle foreste demaniali delle Lame, del Penna e dello Zatta.
Dalla stagione 2020 l'Ente Parco ha istituito il divieto di ricerca e raccolta funghi nelle foreste regionali del Parco dell'Aveto (Foreste M. Penna, Lame e Zatta) in caso di allerta meteo rossa ed arancione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dove andare per funghi a Genova e dintorni: idee per i weekend d’autunno

GenovaToday è in caricamento