rotate-mobile
Costume e società

Don Roberto Fiscer, il prete social conquista anche Selvaggia Lucarelli

La popolare opinionista ha condiviso sulla propria pagina Facebook alcuni dei video pubblicati dal parroco genovese, elogiando lo spirito attraverso il quale cerca di avvicinare i più giovani alla Chiesa

Don Roberto Fiscer, parroco del Chiappeto star dei social tra Instagram, Facebook e Tik Tok, ha conquistato anche Selvaggia Lucarelli. La popolare opinionista ha condiviso sulla propria pagina Facebook (con oltre un milione e mezzo di follower) un medley con alcuni dei video pubblicati dal vulcanico parroco genovese, elogiando lo spirito attraverso il quale cerca di avvicinare i più giovani alla Chiesa. Una vera e propria 'missione', con gli strumenti che il mondo contemporaneo è in grado di offrire. 

"Don Roberto Fiscer - ha commentato Selvaggia Lucarelli - è un sacerdote di Genova con un profilo TikTok che è un grande esempio di buon marketing per la chiesa: contenuti divertenti, ironici, dissacranti con intelligenza. E poi è genoano, e questo lo avvicina alla santità. Amen! Bravo Don Roberto, fai venire voglia di tornare in Chiesa".

Già, il Genoa. Perché Don Roberto Fiscer è un grande tifoso e, nei giorni scorsi, è stato protagonista anche sui social del Grifone con un video che ha letteralmente fatto il boom di visualizzazioni: una punizione perfetta all'incrocio dei pali seguita dall'esultanza sfrenata insieme a tanti bambini in maglia rossoblù. E proprio il Genoa è spesso protagonista delle clip pubblicate su Tik Tok dal parroco genovese, impegnato in iniziative benefiche e a favore dei ragazzi.

Tra le sue 'skill' anche la musica, ha dato vita nel 2013 a 'Radio fra le note' e grazie alle sue abilità come dj ha creato anche dei curiosi remix di canzoni famose. Dopo il secondo posto a Sanremo 'Una vita in vacanza' dello Stato Sociale era diventata 'Una vita in preghiera'

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Don Roberto Fiscer, il prete social conquista anche Selvaggia Lucarelli

GenovaToday è in caricamento