menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dialetto curioso: cosa vuol dire quando qualcosa "loccia"?

La parola viene indicata per descrivere qualcosa che traballa, si muove, in equilibrio precario

C'è una parola che usiamo spesso a Genova, presa in prestito dal dialetto, ma utilizzatissima anche quando si parla in italiano: quando un oggetto è in una posizione di equilibrio precaria, diciamo che "loccia".

Cosa vuol dire "locciare"? Significa traballare, oscillare, tentennare. Lo si può dire, ad esempio, quando si indica una superficie traballante su cui è rischioso arrampicarsi, come nella foto.

Ma da dove deriva questa parola? Il termine deriva dal francese, segno dello scambio culturale e linguistico tra la Liguria e la Francia, separate solo dal confine di Stato: e dunque "locciare" deriva da "locher" che significa proprio "agitare, scuotere".

La parola viene usata anche per indicare il dondolio delle barche in mare, e in dialetto esiste anche un'espressione un po' più complessa, "locciare into manego", che vuol dire essere indecisi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

A Genova c'è lo scalone a cui si ispirò Hitchcock per "Vertigo"

Coronavirus

Ristorante aperto: «Siamo una mensa», ma scattano le multe

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento