La curiosità: perché Portofino si chiama così, e come mai è tanto famosa?

Qualche curiosità su questo bello, piccolo e famosissimo gioiellino

Da sempre considerata una delle località più belle d'Italia, simbolo di lusso e meta dei vip di tutto il mondo, Portofino è un piccolo gioiellino nel Tigullio, con un centro storico davvero minuscolo e caratteristico, con le tradizionali casette colorate, e una piccola baia. Questo borghetto che conta poche centinaia di residenti sembra sospeso nel tempo, ma come mai - a fronte di molti altri bellissimi posti in Liguria - è lui il più famoso di tutti, e il più frequentato dal jet-set a livello internazionale?

Perché Portofino è conosciuta

Iniziamo con le origini di questa cittadina, che si perdono nella storia: chi dice che risale ai fenici, chi ai greci, chi solamente ai romani, probabilmente è molto più antica; ma quel che è certo è che è famosa fin da tempi remoti per essere molto riparata dai venti e dal mare, e dunque un porto ideale e un luogo da sempre ambito.

A completare il quadro, le meraviglie naturalistiche, il piccolo borghetto che si affaccia sul mare, interdetto alle auto, diventato nel tempo il ritrovo di diversi artisti; ultimo ma non ultimo, Portofino non è un "luogo di passaggio" e viene tagliato fuori dalla frequentata via Aurelia, diventando dunque un angolo riservato in cui capitare per caso è davvero impossibile (per contro è facilmente raggiungibile dal mare, anche per questo è diventato un luogo "esclusivo" molto amato da chi arriva con barca e yacht, che pure possono stare solo in un numero molto ridotto, rendendo il porto ancora più ambito). 

La conformazione naturale di questo porto, che come abbiamo visto è adatta alla riservatezza e alla quiete, ha fatto sì che Guido Sette, vescovo di Genova e amico nientemeno che di Francesco Petrarca, vi costruisse l'eremo della Cervara per i suoi monaci, pensando all'ascesi e alla solitudine nella natura. Fu Henry Herbert, Conte di Carnavaron, a "scoprire" Portofino nel 1870, costruendo la villa Altachiara, acquistando terreni, e contribuendo a far diventare il piccolo borgo una meta mondana molto famosa inizialmente in Inghilterra. Proprio per le sue piccole dimensioni e l'essere non così facilmente raggiungibili, divenne subito un "buen retiro" in cui i signori dell'epoca si calavano, almeno per qualche mese l'anno, nella "semplicità" dei pescatori e dei contadini,

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'origine del nome

Alle bellezze naturalistiche di questo gioiellino, aggiungiamo anche la fauna: fu infatti probabilmente per l'abbondanza di delfini avvistati nel golfo che i romani diedero all'area il nome di "Portus Delphini", porto dei delfini. Da qui, poi, Portofino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Paola Cortellesi è Petra, l'ispettore genovese: «Il mio personaggio non fa la femminista, lo è»

  • Violenza sessuale in ospedale, ausiliario approfitta di una paziente in anestesia

  • Coronavirus, caso positivo al Liceti di Rapallo, classe in quarantena

  • Genoa, cinque nuovi acquisti per Maran

  • 'Boom' di accessi ai pronto soccorso, ambulanze ferme al Galliera

  • Covid-19, Bassetti: «Con questo virus conviveremo per i prossimi anni»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento