rotate-mobile
Costume e società

Radio Liguria chiude dopo soli 3 mesi, i Buio Pesto: "Mancanza di sponsor"

Era la prima radio interamente dialettale, ma ha chiuso dopo tre mesi: il ricavato ogni anno sarebbe dovuto andare al progetto Ambulanza Verde, per mezzi di soccorso e attrezzature mediche

Era la prima radio interamente dialettale che si proponeva di trasmettere in onda 24/7 canzoni in genovese, da Gino Paoli a Fabrizio De André, dando tra l'altro il ricavato in beneficienza. 

Ma l'esperimento di Radio Liguria purtroppo è durato poco, appena tre mesi di programmazione, a causa della mancanza di sponsor. Ad annunciare la chiusura del progetto sono i Buio Pesto, la famosa band dialettale genovese, che lo avevano lanciato con entusiasmo: "La nostra radio benefica ha chiuso i battenti - spiegano sui social - è stata la prima radio dialettale della storia e tale rimarrà comunque. La chiusura è dovuta alla scarsa risposta positiva da parte di sponsor".

L'intenzione era di far pervenire ogni anno l’utile al progetto Ambulanza Verde, per mezzi di soccorso e attrezzature mediche. Ma non è bastata: "Abbiamo interpellato oltre 200 tra aziende e attività commerciali, ma solo otto che ringrazieremo sempre hanno aderito, sposando la nostra nobile e utile causa. La cosa vergognosa è che alcune aziende che fatturano decine di milioni di euro con utili molto alti ci hanno detto no per questioni di bilancio".

Nessun lieto fine dunque per la radio che in tre mesi aveva raccolto oltre 100mila ascoltatori e 1.700 canzoni dialettali in palinsesto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Radio Liguria chiude dopo soli 3 mesi, i Buio Pesto: "Mancanza di sponsor"

GenovaToday è in caricamento