Carnevale a Zena: quali sono le più famose maschere genovesi?

Da Capitan Spaventa a O Scio Reginn-a: viaggio alla riscoperta delle maschere della tradizione del Carnevale genovese

Arriva il periodo del Carnevale, e non si può non ricordare la grande tradizione italiana delle maschere che ha regalato anche a Genova alcuni personaggi indimenticabili.

Ogni regione ha le sue maschere, nate in circostanze diverse: alcune provengono dal teatro dei burattini, altre dalla commedia dell'arte, da altre tradizioni più antiche e da festeggiamenti tradizionali. Coloratissime e spesso buffe, le maschere sono nate per scacciare le forze delle tenebre e dell'inverno, aprendo la strada alla primavera e a un periodo più mite, in cui le persone possono finalmente uscire dalle case e festeggiare.

A Genova è famosa la maschera di Capitan Spaventa, tratta dalla commedia dell'arte. La figura di Capitan Spaventa di Vall'Inferna è stata creata tra il '500 e il '600 dall'attore Francesco Andreini. Nonostante il nome non sia molto rassicurante, si tratta di un soldato sognatore, colto e raffinato (come si trova scritto in "Le bravure di Capitan Spaventa" di Andreini) anche se è risaputo che è molto più temerario con la lingua che con la spada. Spesso viene confuso con il Capitan Matamoros, maschera di origini bolognesi, sbruffone e codardo, che si vanta di imprese mai compiute.

Altrettanto celebre è la maschera di O Scio Reginn-a: il signor Regina era realmente esistito, nel '700, e si procurava cibo e vino andando nelle osterie e proponendo il suo repertorio buffonesco. Ad aiutarlo, il suo carattere incline agli scherzi, arguto e onesto.

Ma non solo: tutti hanno sentito parlare di Baciccia, inventato a fine '800: berretto, giacca scura, camicia bianca e papillon. Caratteristiche? Povero, mugugnone, ma buono.

E poi c'è anche o Mego, il medico, soprannominato anche Barbé, vestito di scuro, con - sotto braccio - un enorme clistere da somministrare ai malcapitati pazienti. Con il tempo, sono nati anche nuovi personaggi - presi da antiche leggende o inventati - come Ressagin, il pescatore di Arenzano, oppure u Furnaxin e Marinin di Cogoleto, che evocano due grandi tradizioni del paese, quella del mare e quella delle fornaci.

Altre importanti maschere delle altre province sono Cicciulin di Savona, Becciancin di Loano, e Nuvarin di Cairo Montenotte.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Avvicinandoci ai nostri tempi, uno dei più grandi inventori di maschere - come ricordano Stefano Roffo e Elena Donato in "Guida insolita ai misteri di Genova" - è stato sicuramente Gilberto Govi. A lui dobbiamo la nascita di personaggi che sono entrati a far parte della cultura popolare della città, come Giobatta Parodi, Guido Peragallo, Pippo Manezzi, Felice Pastorino, e tanti altri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Doppio tampone negativo, torna in Rsa e contagia 29 persone

  • Autostrade, scatta la gratuità del pedaggio su alcune tratte

  • Bimba rimane chiusa in auto. Genitori: «È nuova, non sappiamo aprirla»

  • Come distinguere una vipera, e cosa fare in caso di morso

  • Coronavirus, Gimbe: «Contagio non è sotto controllo in Liguria, Lombardia e Piemonte»

  • Trovato senza vita Andrea Calabrese, era scomparso da una settimana

Torna su
GenovaToday è in caricamento