Pesto che passione: 5 curiosità sul famoso condimento genovese

Sapevate che in origine non si utilizzava il pecorino? E che la Disney ha dedicato alcuni dei suoi fumetti al pesto?

È il condimento della nostra tradizione, ne andiamo orgogliosi, ed è praticamente impossibile non trovare in una casa genovese il famoso mortaio con il pestello (se non utilizzato in cucina, almeno tenuto come soprammobile). Il pesto è l'"oro verde" di Genova, con i suoi ingredienti freschi e genuini, ma ci sono anche tante curiosità che forse neppure i genovesi conoscono riguardo a questa famosa salsa.

A renderle note, Diego Soracco di Slow Food che negli anni ha dedicato lezioni e showcooking al pesto e ad altre specialità della cucina ligure, svelando con il tempo piccoli grandi segreti della nostra specialità più famosa.

1- C’era una volta il pesto persiano.

Oggi il pesto è uno dei prodotti alimentari italiani più apprezzati anche all’estero, ma pestare aglio e erbe è storia antica come l’umanità: il primo pesto della storia infatti ha origine da un’antica salsa persiana composta da aglio e semi oleosi amalgamati ad un formaggio fresco ed acidulo originario della zona del Mar Morto.

2- Formaggi olandesi in piatto genovese

L’evoluzione del pesto è un ritratto degli scambi commerciali dei liguri. Pecorino sardo e parmigiano sono stati solo gli ultimi di una lunga serie di formaggi utilizzati nella sua preparazione: il primo formaggio ad essere utilizzato era molto simile allo yogurt proveniente del Mar Morto. Ma grazie ai fiorenti commerci con gli olandesi, per qualche tempo la ricetta prevedeva anche l’utilizzo del Gouda. Poi si sono susseguiti molti altri formaggi locali, fino ad arrivare alla ricetta attuale.

3- Olio e basilico? Un’aggiunta recente

Anche l’utilizzo dell’olio all’interno del pesto è stato graduale: ha fatto parte della ricetta solo a partire dall’Ottocento. Anche il basilico non è entrato subito in pianta stabile nella ricetta, perché la stagionalità della pianta non la rendeva disponibile nei mesi freddi.

4- Pasta: italiana o cinese? No, araba!

E che dire della pasta, accompagnamento per eccellenza del pesto? I primi spaghetti della storia li inventarono gli Arabi in Sicilia. Ed è diventata “grande” grazie al viaggio delle materie prime in arrivo nei porti liguri. Tanto che ad Oneglia, un pastificio si era dotato di propri velieri che 4 volte l’anno partivano per andare a prendere, nel Mar Nero, il prezioso grano Taganrog. E anche un “certo” Giuseppe Garibaldi per 2 anni, tra il 1831 e il 1833, viaggia ripetutamente tra Taganrog e Marsiglia trasportando grano duro destinato alla pasta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

5- Anche Walt Disney appassionato di pesto.

Sarà la sua storia multiculturale ad aver fatto diventare il pesto così amato nel mondo. E anche Walt Disney ha subito il fascino del pesto ligure dedicando al prezioso condimento un personaggio dei suoi fumetti: Paperin Pestello. Le avventure di “Paperin Pestello e la via delle Indie” (che ha scoperto l’America prima di Cristoforo Colombo) sono state pubblicate in sette puntate nel 1992 in occasione delle Celebrazioni Colombiane di Genova, diventando un personaggio cult tra gli amanti del mondo dei paperi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Doppio tampone negativo, torna in Rsa e contagia 29 persone

  • Autostrade, scatta la gratuità del pedaggio su alcune tratte

  • Bimba rimane chiusa in auto. Genitori: «È nuova, non sappiamo aprirla»

  • Come distinguere una vipera, e cosa fare in caso di morso

  • Coronavirus, Gimbe: «Contagio non è sotto controllo in Liguria, Lombardia e Piemonte»

  • Trovato senza vita Andrea Calabrese, era scomparso da una settimana

Torna su
GenovaToday è in caricamento