menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Leucemia Mieloide Acuta, un nuovo studio del San Martino dona speranze per la remissione

L'assunzione di un determinato farmaco dopo che le cellule leucemiche sono state eliminate con la chemioterapia sembra estendere il periodo in cui i sintomi della malattia non compaiono: i dettagli

Un nuovo studio firmato dall’ospedale policlinico San Martino dona speranza ai pazienti affetti da Leucemia Mieloide Acuta (LMA).

I testi condotti dalla dottoressa Germana Beltrami e dal reparto di Ematologia del San Martino, recentemente pubblicati sulla rivista ‘The New England Journal of Medicine’, ha dimostrato che dopo che le cellule leucemiche sono state eliminate con la chemioterapia, l’assunzione di Azacitidina aumenta la sopravvivenza ed estende il periodo di remissione, e cioè il momento in cui non ci sono segni di malattia.

La Lma è un tumore del sangue: si sviluppa nel midollo osseo, da dove hanno origine le cellule che, a causa di mutazioni del dna, si trasformano in globuli bianchi anomali che si diffondono nel sangue. Ogni anno in Italia si registrano 2.000 nuovi casi di leucemia mieloide acuta, soprattutto in persone con più di 65 anni, quindi in condizioni cliniche non sempre compatibili con il percorso terapeutico che prevede cicli di chemioterapia seguiti da trapianto di cellule staminali.

Fino a oggi, spiegano dal San Martino, le persone con Lma che, per età e stato di salute, non potevano essere sottoposte al trapianto dopo la chemioterapia, venivano solo monitorate. Questo studio clinico ha invece individuato un farmaco, l’Azacitidina, adatto a tutti i soggetti, da assumere oralmente in seguito ai cicli chemioterapici, come terapia di mantenimento della remissione. L’Azacitidina agisce sul Dna come se fosse un gomitolo da districare e mette a nudo dei geni che regolano l’origine e la sopravvivenza cellulare, a scapito di quelli che fanno crescere le cellule malate: così facendo favorisce la produzione di proteine anti-tumorali.

«Generalmente nelle persone con Lma viene indotta la remissione tramite una chemioterapia di induzione, il secondo step del percorso prevede alcuni cicli di consolidamento della remissione ottenuta - spiega Germana Beltrami - Per la prima volta, questo studio sperimentale inserisce un’ulteriore fase che consiste nella terapia di mantenimento: la somministrazione per 24 mesi di Azacitidina orale induce una riduzione del rischio di recidiva e soprattutto un aumento della sopravvivenza in pazienti non eleggibili, per età, a un trattamento più intensivo, quale quello del trapianto allogenico che rappresenta l’unica opzione di guarigione. L’assunzione di Azacitidina è stata ben tollerata dai pazienti, che hanno riscontrato effetti collaterali gestibili, come nausea o diarrea, al contrario di quanto accadeva in passato, quando le terapie di mantenimento studiate causavano importanti citopenie (diminuzione del numero di determinate popolazioni di cellule del sangue), senza dimostrare efficacia in termini di sopravvivenza».

«La Lma - conclude Beltrami - è una patologia dell’adulto anziano, per questo ottenere una remissione rappresenta un traguardo fondamentale e non scontato. Da oggi si apre una nuova strada: ora si può proporre una terapia di mantenimento anche a coloro che non potevano accedere ad altri trattamenti».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

A Genova c'è lo scalone a cui si ispirò Hitchcock per "Vertigo"

Coronavirus

Ristorante aperto: «Siamo una mensa», ma scattano le multe

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento