Lunedì, 14 Giugno 2021
Politica

Grandi opere, la preoccupazione di Toti e del Pd: «Il Governo non prenda decisioni affrettate»

Anche il Pd ribadisce: «Abbiamo bisogno di Tav, Terzo Valico e Gronda»

«Lombardia Liguria e Piemonte, già da tre anni hanno istituito una cabina di regia che coinvolge i principali player di questo sistema per coordinare le proprie politiche di sviluppo. Mi auguro che il Governo rinunci a prendere decisioni affrettate e ragioni con attenzione su tutte le grandi opere, a partire da quelle del nord-ovest. Fermare la modernizzazione del paese vorrebbe dire condannarlo alla marginalità e al sottosviluppo». È l’appello del presidente di Regione Liguria Giovanni Toti al Governo per un pronunciamento a favore della piattaforma logistica del nord-ovest, in linea con gli altri governatori di Piemonte e Lombardia Sergio Chiamparino e Attilio Fontana. La preoccupazione è palpabile dopo le indiscrezioni secondo le quali il Governo (o almeno la parte "pentastellata") avrebbe deciso di non procedere con la realizzazione della Tav.

 «La piattaforma logistica del nord-ovest è fondamentale per lo sviluppo dell’intero paese – sottolinea Toti - Nei porti della Liguria, in costante crescita, passa oltre il 50 per cento delle merci in entrata ed in uscita dall’Italia. Lombardia e Piemonte rappresentano una percentuale importante del Pil nazionale e i retroporti di quelle regioni sono essenziali per la competitività del nostro sistema. La scarsità di infrastrutture strategiche, prima tra tutte una rete efficiente di alta capacità-velocità ferroviaria penalizza il sistema delle nostre imprese e costringe le merci a viaggiare su gomma, con gravi disagi per costi, traffico e inquinamento».

Anche i consiglieri regionali del Pd Pippo Rossetti e Valter Ferrando esprimono preoccupazione: «La Tav non si farà più. Sul Terzo Valico il Governo continua ad avere posizioni ambigue. E della Gronda si è smesso di parlare. Ecco qual è il vero obiettivo dell’alleanza giallo-verde sulle infrastrutture: bloccare tutto. Genova e la Liguria hanno bisogno di Gronda e Terzo Valico, mentre il Paese non può fare a meno del Tav. I porti liguri di Genova-Savona, della Spezia e presto la piattaforma di Vado hanno bisogno di nuovi e migliori collegamenti per movimentare le merci. Senza opere come Gronda e Terzo Valico affonderemo sicuramente l’economia del nostro territorio. Basta balletti su infrastrutture strategiche come queste, il Governo la smetta di giocare la sua eterna campagna elettorale sulla pelle dei cittadini».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grandi opere, la preoccupazione di Toti e del Pd: «Il Governo non prenda decisioni affrettate»

GenovaToday è in caricamento