Discarica Scarpino fuori legge e rifiuti in Piemonte, la Tari s'impenna

Nella situazione attuale i rifiuti della provincia di Genova dovranno andare fuori regione. A dirlo è l'assessore Valeria Garotta, che precisa come al momento i costi non siano quantificabili

Ieri in consiglio comunale, Simone Farello (Pd) ha introdotto l'argomento relativo al ritiro della normativa regionale sui rifiuti.

Alfonso Gioia (Udc), a seguito della revoca della legge regionale sui rifiuti e con l'attuazione del nuovo crono programma di Amiu per l'impianto di separazione secco-umido, chiede quanto verrà a costare il conferimento in Piemonte.

Farello: «l'attuale discarica gestita dal Comune serve tutta la provincia. La Regione Liguria era priva di normativa in merito ai rifiuti. Ne ha presentata recentemente una, che è stata impugnata dal Governo. Nel conflitto fra Stato e Regione c'è il rischio che si debbano portare i rifiuti in Piemonte. Quali i costi? Com'è la situazione reale? Il problema è quello del pre-trattamento dei rifiuti».

Gioia: «questa amministrazione eredita scelte sbagliate di politica ambientale, ma l'immobilismo di questa giunta ricorda un bradipo in stato di sonno. È possibile che questa giunta possa fare uno scatto di reni? Adesso il risultato di politiche sbagliate è che la discarica di Scarpino è fuori legge. La Regione ha varato una legge che, come sempre, è incostituzionale. Saremo costretti a portare i rifiuti in Piemonte? Possiamo intervenire con impianti di pre-trattamento?».

La risposta dell'assessore Valeria Garotta: «sul pre-trattamento esiste una circolare del ministro Orlando, che supera la precedente di Prestigiacomo e stabilisce la preventiva separazione secco-umido. Abbiamo avviato un progetto, e già si provvede alla raccolta estesa dell'umido. Nella situazione attuale i rifiuti della provincia di Genova dovranno andare fuori regione».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«I costi - conclude Garotta - non sono ancora quantificabili. Il costo del conferimento fuori regione (ipotesi di stampa 100 euro/tonnellata). Se non avessimo già il nostro biodigestore funzionante, il costo sarebbe intorno a 80 euro/tonnellata. Il confronto perciò non è tra 100 e zero. Abbiamo detto chiaramente alla Regione che i costi dei nuovi impianti non devono ricadere completamente sui cittadini genovesi. Sarà necessario un contributo regionale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in via Siffredi, muore ventenne

  • Schianto in moto a Nervi, muore ragazza di 18 anni

  • Sestri Levante: massacrato dal branco per un telefono cellulare

  • Schianto in via Siffredi: addio a Simone, seconda giovanissima vittima in due giorni

  • La 'movida' violenta di Priaruggia, residente aggredito da ragazzini ubriachi

  • Sampierdarena, ubriachi devastano un locale e minacciano di morte il proprietario

Torna su
GenovaToday è in caricamento