menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Enrico Musso facebook

Foto Enrico Musso facebook

Sampierdarena e vicoli, riunione del comitato per l'ordine e la sicurezza

Nonostante i dati delle forze dell'ordine registrino quest'anno una diminuzione del numero dei reati rispetto allo stesso periodo del 2015, i componenti del comitato hanno convenuto sulla necessità di un sempre più puntuale controllo del territorio

Si è svolta oggi in prefettura la riunione del comitato per l'ordine e la sicurezza per un approfondimento sulla situazione nel centro storico cittadino. La convocazione del comitato era stata richiesta nei giorni scorsi dal sindaco e immediatamente condivisa dal prefetto.

Alla riunione, presieduta dal prefetto Fiamma Spena, hanno partecipato per il Comune il sindaco Marco Doria, l'assessore alla legalità e diritti Elena Fiorini, il presidente del Municipio Centro Est Simone Leoncini, il capo di gabinetto Marco Speciale e il comandante della Polizia municipale Giacomo Tinella.

Gli argomenti in esame sono stati: il bilancio dell'attività svolta negli ultimi mesi sulla base delle indicazioni precedentemente emerse in sede di comitato, il miglioramento del presidio sul territorio dopo i fatti più recenti, un sempre maggiore coordinamento tra istituzioni e forze dell'ordine e l'implementazione dell'attività investigativa per colpire alla radice i fenomeni di criminalità.

Nonostante i dati delle forze dell'ordine registrino quest'anno una diminuzione del numero dei reati rispetto allo stesso periodo del 2015 (212 le persone arrestate a fronte di 3.127 servizi realizzati dalle forze dell'ordine nel solo centro storico), i componenti del comitato hanno convenuto sulla necessità di un sempre più puntuale controllo del territorio attraverso un adeguamento dei servizi di presidio per meglio rispondere alle criticità segnalate dai cittadini.

Il Comune ha indicato in particolare alcuni luoghi del centro storico dove si concentrano l'attività di spaccio e i reati legati alla prostituzione e dove saranno intensificati i servizi di prevenzione e contrasto.

Sempre più indispensabile appare l'attività del tavolo tecnico presso la questura per una costante regia finalizzata a miglioramenti reali e visibili della vivibilità del centro storico.

Significativa la partecipazione alla riunione del Procuratore della Repubblica Francesco Cozzi per l'importanza dell'attività investigativa nel contrasto dei crimini.

«Abbiamo sollecitato un rafforzamento dei servizi di controllo - ha sottolineato il sindaco Marco Doria - perché preoccupati per i fatti di violenza che si sono verificati nelle ultime settimane. Il centro storico è il cuore della città, un quartiere vivo e fondamentale per i genovesi e per i turisti. Non può né deve essere identificato con episodi di criminalità e di violenza, ma proprio per questo bisogna intensificare la prevenzione e la repressione di fenomeni di illegalità. Il Comune sta facendo la sua parte con il lavoro della Polizia Municipale ma anche con diverse azioni di riqualificazione urbana e di risposta al disagio sociale. Mi riferisco ad esempio al patto d'area di Prè, all'ordinanza sulla vivibilità, alle nuove scuole della Maddalena e di piazza delle Erbe e al progetto Chance».

Nei prossimi giorni, con lo stesso obiettivo di miglioramento del controllo e della sicurezza del territorio, il comitato per l'ordine e la sicurezza dedicherà una riunione alla zona di Sampierdarena.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, Toti: «Riaperture dal 20 aprile, ci sono le condizioni»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento