rotate-mobile
Venerdì, 1 Luglio 2022
Politica

Regionali, il listino "spezzino" di Toti che dà fastidio alla Paita

Su 6 nomi presentati dal candidato forzista, 3 provengono dalla provincia di appartenenza della candidata del Pd: "Con quelli alla Spezia faccio il pieno", è stata la secca replica

All'indomani dalla presentazione del listino di Raffaella Paita, candidata del Pd alle elezioni regionali del prossimo 31 maggio, anche Giovanni Toti, avversario sostenuto da Forza Italia e Lega Nord, ha annunciato i nomi di coloro che lo affiancheranno in Consiglio in caso di vittoria:

- Giovanni Berrino, capogruppo in Consiglio Comunale di Sanremo di Fratelli d’Italia
- Ilaria Cavo, giornalista Mediaset
- Andrea Costa, sindaco di Beverino
- Giacomo Giampedrone, sindaco di Ameglia
- Stefania Pucciarelli, consigliera comunale del comune di Santo Stefano Magra
- Sonia Viale, segretario regionale della Lega

Una squadra d’attacco, dove la metà dei nomi proviene dallo Spezzino, provincia di appartenenza dell’avversaria Raffaella Paita, cui non è sfuggita la scelta territoriale dI Toti, una mossa probablmente strategica, finalizzata a "rubare" voti in casa dell'avversaria più temibile. E infatti la reazione non si è fatta attendere, ed è arrivata nel corso della cerimonia di commemorazione del 25 aprile nel capoluogo ligure: «Quello di Toti è un listino di sconosciuti, mi sembra quello di Mediaset. Ho visto che c'è una grandissima attenzione alla Spezia, ma li informo che con quelli lì, a Spezia faccio il pieno», ha detto sicura la candidata del Pd, suscitando l’immediata replica del rivale, oggi proprio in provincia della Spezia, ad Ameglia, per la commemorazione dei caduti: “Da che pulpito le critiche di Raffaella Paita al nostro listino. Noi abbiamo scelto sindaci che amministrano bene le loro città, professionisti che si sono fatti strada con le proprie gambe e senza tessere o raccomandazioni. Abbiamo scelto per merito».

«Capisco che sia incomprensibile per un partito, il Pd, e per un candidato, la Paita, che della meritocrazia hanno fatto strame per dieci anni. E queste regionali non fanno eccezione visto che hanno scelto come rappresentante l'assessore alla Protezione civile responsabile di innumerevoli disastri, basti ricordare la sciagurata gestione dell'alluvione. Meritocrazia al contrario - ha concluso Toti - se il Bisagno e straripato una volta ancora forse avrebbero proposto la Paita come presidente della Repubblica».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regionali, il listino "spezzino" di Toti che dà fastidio alla Paita

GenovaToday è in caricamento