menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Referendum costituzionale, come e dove votare a Genova

Tutte le informazioni utili per la chiamata alle urne di domenica 4 dicembre: seggi aperti dalle 7 alle 23, possibilità di richiedere duplicato di carta d'identità o tessera elettorale con orario prolungato

Tutto pronto anche a Genova per la domenica di voto per il referendum costituzionale del 4 dicembre: sul territorio comunale saranno 653 i seggi pronti ad accogliere i genovesi che desiderano votare (14 quelli speciai, istituiti in case di cura e in carcere per consentire il voto anche a pazienti ricoverati e carcerati), con 2053 scrutatori incaricati di passare poi al vaglio le schede contro le 177 rinunce, inferiori rispetto agli anni scorsi. 

Stando alle stime del Comune, sono 460.004 i cittadini chiamati al voto, 246.611 donne e 213.393 uomini, un numero più basso rispetto ai 461.696 che hanno votato al referendum sulle trivelle dello scorso aprile. Sul numero totale di elettori, 3.451 sono neo maggiorenni che hanno appena conquistato il diritto di voto, 1.236 quelli che hanno acquisito la cittadinanza e votano a Genova per la prima volta, mentre 357 sono elettori centenari (309 donne). Chi desidera votare deve recarsi al seggio munito di carta d'identità e tessera elettorale: riceverà una scheda rosa sui cui dovrà apporre una croce sul "sì" o sul "no" a seconda della preferenza.

VIDEO | Genova al voto per il referendum, Fiorini: «Oltre tremila nuovi elettori»

«Abbiamo potenziato la macchina operativa del Comune in occasione del referendum - ha spiegato l’assessore alla Legalità e ai Servizi Civici, Elena Fiorini - Sono oltre tremila la persone coinvolte per lo spoglio e per fornire informazioni sulle modalità di voto. Abbiamo inoltre lavorato in questi mesi per abbattere le barriere architettoniche in 145 scuole adibite a seggio, cercando di renderle il più accessibili possibile, e tenuto aperto l’Ufficio Elettorale di corso Torino con orario prolungato nei giorni di venerdì e sabato: chi non è in possesso della tessera elettorale o della carta d’identità, necessari per il voto, può richiedere i duplicati dalle 7 alle 23. Stessa cosa negli uffici municipali (qui il link all’elenco di quelli presenti sul territorio) con orario 8.10-12.30 sabato 3 e 7-23 domenica 4».

Di seguito i Municipi in cui è possibile chiedere un duplicato:

- Municipio I Centro est - Piazza Santa Fede 6
- Municipio II Centro Ovest - Via Sampierdarena 34
- Municipio Bassa Valbisagno - Piazza Manzoni 1
- Municipio Media Valbisagno - Piazza dell’Olmo 3
- Municipio Valpolcevera - Piazza Durazzo Pallavicini 6, via Guido Poli 12
- Municipio Medio Ponente - Via Sestri 34, via Narisano 14
- Municipio Ponente - Via Ignazio Pallavicini, piazza Giuseppe Bignami 4, piazza Sebastiano Gaggero 2
- Municipio Levante - Piazza Ippolito Nievo 1

Domenica 4 i seggi rimarranno aperti per consentire il voto dalle 7 alle 23: a questo link è possibile cercare il seggio più vicino, mentre a questo link è possibile visionare la guida completa al voto.

E' stato inoltre istituito un servizio di navetta gratuito per agevolare il raggiungimento dei seggi presenti nei seguenti istituti scolastici:

- Municipio Centro Ovest: Scuola elementare Taviani, corso Martinetti 77G. La navetta sarà garantita dalle 8 alle 13 e dalle 14 alle 19, con partenza dal cancello di corso Martinetti
- Municipio Bassa Valbisagno: Scuola elementare Fontanarossa, via Ginestrato 11, con navetta in funzione dalle 8 alle 20 con partenza dal parcheggio di via Pinetti
- Municipio Ponente: Scuola elementare Fabbriche, via Fabbriche 189b, con navetta garantita dalle 8 alle 22 con partenza da via Fiorino 9
- Municipio Valpolcevera: Scuola secondaria di primo grado Gaslini, via Bolzaneto 11. Ils servizio sarà garantito dalle 8 alle 20 con partenza dal capolinea della linea 275 Geminiano

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Costume e società

    Il poeta Guido Gozzano e quelle mangiate alla "Marinetta" di Genova

  • Costume e società

    Cosa vuol dire "stanco"? Storia di un "falso amico" genovese

Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento