rotate-mobile
Lunedì, 6 Febbraio 2023
Politica

Pillola anticoncezionale gratis: i 4 punti della proposta presentata in Regione

Gratuità della pillola per le liguri sotto i 25 anni ma non solo: libera distribuzione del farmaco a qualsiasi età per chi è disoccupato e altri punti nella proposta che verrà discussa in consiglio regionale

Si torna a parlare in Regione della pillola anticoncezionale gratuita per le donne liguri fino ai 25 anni. Nel dettaglio martedì 29 novembre, verrà votata in consiglio regionale la proposta di Gianni Pastorino (Linea Condivisa) che prevede quattro punti, ispirandosi all'esempio di altre regioni come Piemonte, Toscana, Lombardia e Marche. Un analogo ordine del giorno verrà proposto dalla consigliera Selena Candia (Lista Sansa). 

In primis la proposta prevede, come già detto, la gratuità della pillola per le donne sotto i 25 anni. Poi la libera distribuzione del farmaco a qualsiasi età per chi è disoccupato, l'accesso gratuito per i pazienti in cura per endometriosi che fanno uso di pillola concezionale a scopo terapeutico, e prezzo calmierato per la fascia di età dai 25 ai 35 anni.

"Sarò pessimista - commenta Pastorino - ma ho l’impressione che la maggioranza domani boccerà queste proposte perché la destra è abituata a mortificare o stigmatizzare le scelte legittime che tutelano tutti e tutte. Un attacco all’autodeterminazione delle donne e alla legge 194 che parte dal depotenziamento, diretto o indiretto, dei consultori. Una discussione che apre considerazione sull’organizzazione sanitaria e sulla prevenzione nella nostra regione".

Il consigliere poi torna a puntare il dito sulla questione dei punti nascite: "Venerdì sono stato all’ospedale Villa Scassi di Sampierdarena per la possibile chiusura del centro nascite e il personale spiegava di essere preoccupato perché la chiusura del reparto potrebbe creare un 'effetto a catena', depotenziando di fatto molti servizi legati a questo. Pensiamo al reparto di pediatria ma anche alle ripercussioni sulla distribuzione della pillola. Ricordo che il Villa Scassi è il principale centro di distribuzione della pillola anticoncezionale in città, con un servizio attivo 7 giorni su 7. La destra magari dirà che non si depotenzia la distribuzione ma di fatto è così, si isola un servizio. Al di là di come andrà domani in consiglio regionale la nostra battaglia continuerà e ritorneremo su questo tema sia in sede di bilancio che in conferenza Stato Regioni".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pillola anticoncezionale gratis: i 4 punti della proposta presentata in Regione

GenovaToday è in caricamento