rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
Politica Quarto / Via Angelo Carrara

Il 'caso' del pratone di Quarto in consiglio comunale: novità e prospettive

Il punto della situazione dopo le recenti polemiche e a un anno dal passaggio di gestione da Città Metropolitana al Comune del parco di via Carrara

È approdata anche in consiglio comunale la vicenda del 'pratone' di Quarto, passato in gestione da Città Metropolitana a Comune a gennaio 2022. Nei primi giorni del 2023 era infatti esplosa la polemica per la mancata apertura del cancello al mattino. All'interno si trova infatti una ludoteca con gonfiabili, Magic Zena, che si occupa anche di apertura e chiusura dell'accesso di via Carrara. Il contratto di gestione era scaduto e la responsabile non era più tenuta a occuparsene. Era poi intervenuta l'amministrazione comunale annunciando un rinnovo e la riapertura immediata.  

Nuovi problemi per il 'pratone' di Quarto, il cancello rimane chiuso

In Sala Rossa, martedì 24 gennaio 2023, è stata presentata un'interpellanza da Alberto Pandolfo del Partito Democratico. "L’amministrazione - ha spiegato in aula il consigliere comunale del Pd - aveva annunciato progetti per il rilancio del parco, è passato un anno dal cambio di gestione, chiedo a sindaco e giunta di conoscere la previsione temporale di gestione per garantire la fruibilità di uno spazio pubblico per le famiglie che rappresenta uno spazio verde importante per i bambini di Quarto e tutto il levante cittadino. Si tratta di un bene comunale e deve essere garantita la fruibilità da parte dei cittadini, bisogna poi dare una prospettiva temporale perché con soluzioni tampone non si consentono di fare investimenti anche a chi gestisce l'attività all'interno".

L'assessore al patrimonio Francesco Maresca ha fatto il punto della situazione in aula: "Abbiamo rinnovato le concessioni per tre mesi e il 'pratone' è aperto. Oggi ho visto il concessionario per realizzare un piano di programmazione con attività e servizi da rendere alla cittadinanza, come è stato fatto in questi anni. Ci sono delle questioni da sistemare come panchine e servizi pubblici, noi puntiamo a una gestione del parco per poter dar modo a tutti i cittadini, soprattutto ai più fragili, di viverlo appieno anche con attività sportive e ricreative. Siamo in un momento in cui stiamo ricreando insieme agli attuali concessionari un progetto insieme; vedremo in prospettiva se le garanzie chieste dalla pubblica amministrazione per rendere il parco sempre più importante potranno essere garantite. Nei prossimi mesi daremo aggiornamenti per valutare lo stato di avanzamento della progettazione".

Il consigliere Pandolfo ha poi concluso in aula: "Il rinnovo per tre mesi è una soluzione tampone, che conoscevo. Chiaramente bisogna capire quali investimenti può fare l'operatore che sta gestendo lo spazio e quello che invece è il supporto che deve dare la civica amministrazione con azioni di lunga prospettiva su verde pubblico, panchine, arredo e giochi".

Anche Viviana Carrero, titolare di Magic Zena, conferma i passi avanti: "Ho incontrato l'assessore - spiega a GenovaToday - e ho trovato grande disponibilità nel sedersi a un tavolo e cominciare a parlare di progetti e attività per il futuro del pratone, anche con attività ludiche, sportive, socialmente utili e abbattimento delle barriere architettoniche, ovviamente tutto dovrà passare da un bando che spero possa essere realizzato nei tempi più rapidi possibili. Il prossimo 9 febbraio è stato anche fissato un sopralluogo con il Comune, in modo che possano essere valutate tutte le problematiche del parco, che si trascinano da diversi anni. Dal cancello rotto ai giochi e alle strutture. Speriamo si riesca finalmente a iniziare un nuovo percorso per questa area verde così importante per il levante".


 


 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il 'caso' del pratone di Quarto in consiglio comunale: novità e prospettive

GenovaToday è in caricamento