menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Porto, entro fine anno l'elettrificazione delle banchine

Un importante passo avanti per diminuire in maniera significativa i quantitativi di inquinamento da biossido di azoto

Una buona notizia, per la sua rilevanza dal punto di vista ambientale, arriva dalla Regione. Entro la fine dell'anno, infatti, si concluderà la prima fase dell'elettrificazione delle banchine del Porto di Genova.

L'assessore all'ambiente Giacomo Giampedrone spiega «Insieme all’Autorità Portuale e grazie ai contributi dell'Unione Europea riusciremo entro l’anno a concludere la prima fase di elettrificazione delle banchine del Porto di Genova, nell’area delle Riparazioni Navali, uno dei passi fondamentali per diminuire di molto i quantitativi di inquinamento da biossido di azoto che vanno comunque verificati su dati attendibili».

«Si tratta di un progetto molto importante - continua Giampedrone - il cui costo, a carico della Regione ammonta a 9,7 milioni di euro, in parte provenienti dal Ministero dell’Ambiente e in parte dai fondi Por Fesr. Non sappiamo ancora quale sarà l'impatto positivo in termini percentuali sul tema delle emissioni, ma è certamente un primo segnale molto significativo per l’abbattimento delle emissioni delle navi che sostano in banchina. Anche se si ritiene che l’inquinamento da biossido da azoto sia oggi prevalentemente causato da traffico veicolare e solo per il 7,5% derivante dalle emissioni delle navi che sostano».

«Anche con il dipartimento di Fisica dell'Università di Genova - conclude Giampedrone - stiamo eseguendo tutte le valutazioni necessarie per capire se le cause dell’inquinamento sono confermate o se c’è un inquinamento maggiore attribuibile alla parte portuale».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, focolaio all'ospedale Galliera

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento