rotate-mobile
Politica Centro / Piazza Raffaele de Ferrari

Polemiche per la frase sul maxi schermo della Regione, 2.800 firme per cambiarla

L'associazione 'Genova che Osa' ha lanciato una petizione per chiedere di modificare il messaggio in Piazza De Ferrari e pubblicare la scritta "per la pace, contro la guerra"

Non si placano le polemiche sul messaggio "con Israele, con la democrazia" comparso sul maxischermo della Regione Liguria in piazza De Ferrari, in occasione dell'attacco di Hamas contro Israele. 

L'associazione 'Genova che Osa' ha lanciato una petizione, già sottoscritta da circa 2.800 persone, per chiedere a Regione Liguria di modificare il messaggio sul maxischermo del palazzo di Piazza De Ferrari e pubblicare la scritta "per la pace, contro la guerra".

"Questa mattina abbiamo scritto a Pierpaolo Giampellegrini, segretario generale della Regione e gli abbiamo inoltrato la lista dei firmatari e la nostra richiesta. - dichiara Lorenzo Azzolini di Genova che osa - Ora attendiamo una pronta risposta dalle istituzioni".

Di seguito il testo della petizione, pubblicata a questo link 

"L'Italia ripudia la guerra, ma Toti sfrutta il maxischermo di Piazza de Ferrari per sostenere una delle parti all'interno di un conflitto pluridecennale.

Di fronte al riaccendersi di un conflitto le nostre istituzioni dovrebbero impegnarsi per favorirne la risoluzione pacifica.

Toti ha deciso di esporsi, come presidente della regione, sostenendo una delle parti in guerra. Non è accettabile.

Il conflitto israelo palestinese si protrae da quasi un secolo e Toti esprime la sua posizione come fosse una partita di calcio, con un messaggio retorico e superficiale su un maxischermo, a nome nostro.

Ripudiamo la guerra, e ribadire questa posizione adesso è più urgente che mai. Non appoggiamo la violenza, non appoggiamo il militarismo, non appoggiamo il conflitto armato. Vogliamo che la Regione ci rappresenti: togliete quel messaggio e prendete posizione per la pace".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polemiche per la frase sul maxi schermo della Regione, 2.800 firme per cambiarla

GenovaToday è in caricamento