rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Politica Pegli / Via Pegli

Pegli, sosta selvaggia e disagi ai disabili. Il Comune: "Multe raddoppiate, sì ai dissuasori"

Il tema è stato affrontato in consiglio comunale, all'interrogazione del consigliere Avvenente hanno risposto gli assessori Viale e Campora

Sosta selvaggia, buche e marciapiedi rotti. Una situazione che crea grossi disagi soprattutto alle persone disabili. Mauro Avvenente di Italia Viva ha denunciato la grave situazione della zona del 'Risveglio di Pegli" in consiglio comunale. 

"Siamo costretti a tornare su questo argomento - ha detto Avvenente in occasione dell'ultima seduta - già segnalato in passato. Questo è davvero un grosso problema. Stiamo parlando di via Pegli, zona 'Risveglio', a pochi metri dall'ingresso del cancello di villa Banfi. Quando furono fatti gli abbattimenti delle barriere architettoniche con l'abbassamento dello scalino quel marciapiede fu fatto per rispondere alle esigenze delle persone in carrozzella. Alla luce di quanto vediamo oggi, però, dobbiamo dire che fu un autogol clamoroso. In questo modo, con la rampa, le auto salgono agevolmente per posteggiare, mentre prima trovavano qualche difficoltà. Abbiamo già chiesto diverse volte di mettere qualche paletto, poco importa alle persone che si trovano ad affrontare questo problema di chi sia la competenza, quello che conta è una risoluzione che sia rapida e definitiva. Per passare sono costretti a scendere e a invadere la carreggiata passando tra le auto con rischi enormi".

Per la giunta ha risposto l’assessore Giorgio Viale: "La prima cosa che ci tengo a sottolineare è che come Polizia Locale contrastiamo tutti i comportamenti che creano problemi ai cittadini disabili in tutta Genova e abbiamo avviato una campagna volta a contrastare tutti i comportamenti come quelli evidenziati nell’interrogazione. Questa campagna ha portato le sanzioni per violazione dei posteggi o della mobilità dei disabili dalle circa 2.000 del 2020 alle più di 3.500 di quest’anno. Il dato più interessante è, però, che dalle 600 sanzioni per sosta e intralcio delle rampe per discesa dei disabili elevate nel del 2020, siamo arrivati alle 1.100 comminate finora. Un pesante incremento che testimonia l'impegno della Polizia Locale a contrastare questa realtà, ma anche la mancanza di civiltà dei cittadini che pensano di occupare degli spazi destinati ad altri cittadini portatori di disabilità. Nell'area di Pegli citata da Avvenente sono 40 le ammende comminate per occupazione delle rampe e la Polizia Locale ha già dato l’assenso all’installazione di dissuasori, quindi c'è la massima collaborazione in questo senso. Sarà mio compito interfacciarmi con i colleghi perché siano portate a termine le lavorazioni per installare che possano definitivamente stroncare questo fenomeno nell'area del Risveglio di Pegli". 

Anche l’assessore Matteo Campora è intervenuto in aula, aggiungendo: "Credo sia opportuno fare un sopralluogo per verificare con i tecnici le varie situazioni che ha segnalato: già prima di Natale, insieme con il Municipio e la Polizia Locale. Auspico anche una maggiore sensibilizzazione verso questo tema dei cittadini genovesi".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pegli, sosta selvaggia e disagi ai disabili. Il Comune: "Multe raddoppiate, sì ai dissuasori"

GenovaToday è in caricamento