Palafiumara: sponsor e Tursi voltano le spalle, futuro a rischio

Per la seconda volta il consiglio comunale ha bocciato la delibera a favore di General Production per lo slittamento della scadenza del mutuo e ora Tursi rischia di dover fare fronte in prima persona ai debiti. Ormai certo l'addio dello sponsor

Nuovo sgambetto alla giunta Doria ieri in consiglio comunale. Dopo la fiera e altri 'pezzi', ora Genova rischia di perdere anche il Palafiumara. Un primo tentativo di salvataggio era già fallito la settimana scorsa, poi il testo è tornato in commissione e quando tutto sembrava indirizzato per il meglio, ieri è arrivata la fumata nera.

Il consiglio ha respinto con 17 voti a favore Anzalone, Malatesta (Gruppo Misto), Pd, Sel, Lista Doria, Guido Grillo (Pdl), 17 contrari Balleari, Lauro (Pdl), Baroni De Benedictis, Mazzei (Gruppo Misto), Udc, M5s, Fds, Lega Nord, Lista Musso e 2 astenuti, Percorso Comune, la delibera di giunta in merito a un'«ulteriore proroga della durata di un anno della obbligazione fidejussoria a favore dell'Istituto per il credito sportivo, nell'interesse della società General Production s.r.l. e contestuale slittamento della scadenza originaria del mutuo per l'importo iniziale di 7.230.396,59 euro finalizzato alla realizzazione del Palasport e dell'area Multisport in località Fiumara».

In pratica la General Production, gravata da due mutui, difficilmente riuscirà a pagare la prossima rata, in scadenza il 30 settembre. Questo significa che, come da contratto, il Comune dovrebbe accollarsi il debito con il Credito sportivo, pari a circa quattro milioni di euro. Di certo un duro colpo per le dissestate casse di Tursi e per la giunta Doria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ad aggravare il quadro c'è Radio 105, che ha già fatto sapere di non voler rinnovare la sponsorizzazione, pari a 120mila euro l'anno. Venerdì c'è la scadenza della rata e se la Generale Production non riuscirà a pagare, il Comune sarà chiamato a fare la sua parte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Basilico in esubero per chiusura ristoranti, le aziende agricole organizzano la consegna a domicilio

  • Coronavirus: la curva rallenta, ma i contagiati sono oltre 2.000 e i morti 254

  • Coronavirus, i numeri tornano a crescere in Liguria: 2.226 i positivi, 26 nuovi decessi

  • Coronavirus: lieve calo dei nuovi casi dopo tre giornate nere, i morti sono 231

  • Coronavirus, la foto della speranza: intubata per 7 giorni, 27enne migliora e si risveglia

  • Genova, tutte le attività commerciali che sono aperte e che fanno consegna a domicilio

Torna su
GenovaToday è in caricamento