menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Accordo di collaborazione fra Gaslini e ospedale Buzzi di Milano

L'accordo rientra nel protocollo di collaborazione in materia sanitaria tra Regione Liguria e Regione Lombardia stipulato dai governatori Giovanni Toti e Roberto Maroni

A Palazzo Lombardia a Milano è stato firmato l'accordo di collaborazione sulla sanità pediatrica tra l'ospedale Gaslini di Genova e l'ospedale Buzzi di Milano, sottoscritto dai direttori generali dei due istituti, alla presenza della vicepresidente Sonia Viale e del presidente della Lombardia Roberto Maroni.

Un accordo che rientra nel protocollo di collaborazione in materia sanitaria tra Regione Liguria e Regione Lombardia stipulato dai governatori Giovanni Toti e Roberto Maroni. «Sono molto orgogliosa del lavoro svolto  sulla strada della valorizzazione delle eccellenze sanitarie liguri e della loro esportazione anche in altre regioni– ha commentato l'assessore alla salute della Liguria Sonia Viale –. E quale ambito migliore di quello pediatrico per partire».

L'accordo siglato pone al centro le esigenze dei bambini e dei loro familiari attraverso lo sviluppo della telemedicina per il teleconsulto, delle vaccinazioni, della banca del latte e della promozione dell'ospedale di giorno, che è una peculiarità del Gaslini. Inoltre prevede l'implementazione della rete di assistenza post-ricovero per favorire i pazienti e le famiglie e consentire la continuità delle cure.

Obiettivo dell'intesa è quello di condividere il sistema per la telemedicina del Gaslini per effettuare attività clinica di teleconsulto, con valore legale di refertazione, a sostegno delle linee di attività congiunta. Si prevedono inoltre azioni per la diffusione delle conoscenze attraverso iniziative di formazione congiunta in campo clinico, scientifico e gestionale tra i professionisti dei due enti pediatrici, workshop gestionali per mettere a confronto le esperienze delle strutture sanitarie pensate e costruite a misura di bambino.

Sono inoltre previsti percorsi di continuità assistenziale per pazienti in mobilità extraregionale e la reciproca sperimentazione di buone prassi: modelli di operatività integrata fra le terapie intensive neonatali pediatriche, diagnostica avanzata e approccio terapeutico al paziente neurochirurgico, sviluppo dell’assistenza domiciliare.

Tutti gli argomenti al centro dell'intesa saranno oggetto di approfondimenti in appuntamenti dedicati: il prossimo incontro, previsto a metà ottobre, riguarderà la telemedicina e in particolare la presentazione del progetto Netcare da parte dell'istituto Gaslini e la sua messa a disposizione dell'ospedale Buzzi.

«Si tratta di un primo importante appuntamento – aggiunge la vicepresidente Viale – particolarmente significativo per i casi di malattie rare o di alta specialità che richiedono due gradi di consulto, dove risulta fondamentale evitare che i pazienti e le famiglie si spostino. Seguiranno altri incontri, sempre nel mese di ottobre, dedicati alla continuità assistenziale, per favorire l'assistenza ai piccoli pazienti, nei momenti più difficili della loro vita». 

E dopo la Lombardia l'assessore ha annunciato di voler proseguire con nuovi accordi, in ambito pediatrico sanitario, anche con altre regioni limitrofe.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

A Genova c'è lo scalone a cui si ispirò Hitchcock per "Vertigo"

Coronavirus

Ristorante aperto: «Siamo una mensa», ma scattano le multe

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento