rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Politica

Autoparco a Multedo: il Pd attacca: "Basta servitù per il ponente", il Comune: "Polemiche fuori luogo"

Botta e risposta tra la consigliera comunale Cristina Lodi e l'assessore Francesco Maresca

Il Partito Democratico genovese si schiera contro il progetto per la realizzazione di un autoparco a Multedo, nell’area Fondega Sud. Uno spazio di sosta per i mezzi pesanti diretti al porto di Genova, secondo un progetto di Autostrade per l’Italia e Autorità di Sistema Portuale di Genova.

" Ancora una servitù per il ponente genovese, con il benestare di questa giunta - dichiara la consigliera comunale Cristina Lodi - . Questa decisione evidentemente trova l’approvazione dell’amministrazione, ma, per l’ennesima volta non è stata condivisa con i cittadini, il Municipio e il Consiglio comunale".

"Lo scorso 6 luglio - prosegue Lodi - avevo chiesto in aula alla giunta chiarimenti riguardo a questa ipotesi. Nella sua risposta, l’assessore Maresca, pur non negando la possibilità di realizzare un autoparco a Multedo, aveva condiviso l’obiettivo di convocare una Commissione consiliare per illustrare la politica e le strategie dell’amministrazione per il quartiere di Pegli e il ponente genovese. Così non è stato. La giunta continua a non coinvolgere i territori nelle sue decisioni e manifesta una assoluta mancanza di programmazione complessiva del rapporto tra città e porto. Di fronte alle ripetute richieste di spazi, il Comune si limita a fornire risposte senza alcuna visione strategica, occupando aree, soprattutto a Ponente, in territori già asserviti e caratterizzati da diverse sofferenze, come Multedo, o destinati a progetti più significativi, come Erzelli, dove la giunta ha realizzato un autoparco nell’area destinata all’Ospedale del Ponente"

"Questo evidentemente il modello Genova della giunta, che non rispetta i territori e le loro esigenze - conclude la consigliera del Pd - richiederemo una Commissione consiliare urgente alla presenza del Municipio e dei cittadini per avviare un immediato confronto sull’ennesima scelta calata dall’alto".

Pronta la replica dell'assessore allo allo Sviluppo economico portuale e logistico Francesco Maresca: "Non accettiamo lezioni da esponenti di un partito che, sotto varie denominazioni, ha governato questa città per oltre mezzo secolo e che ne ha deciso i destini, imponendo scelte calate dall’alto fino a farne una vera filosofia politica, snaturando interi quartieri, lunghi tratti di costa e di entroterra. Noi lavoriamo con e per i territori, per trovare soluzioni efficaci che rigenerino e restituiscano ai cittadini vivibilità e dignità, tutelando il lavoro e le attività produttive. Sull’autoparco il Pd non ha mai voluto trovare una soluzione concreta ed efficace: noi stiamo lavorando per arrivare a una scelta che snellisca i flussi di traffico pesante da e per il primo porto del Paese, decongestioni la viabilità ordinaria e dia servizi a chi opera in prima linea nell’autotrasporto. Ho fortemente voluto ed è pienamente operativo il tavolo Porto-Città, una sede di confronto costante con territorio, operatori portuali e istituzioni che sta dando buoni frutti. Come ho già detto in consiglio comunale, ribadisco che nessuna scelta ancora è stata presa quindi le polemiche sollevate dal Pd sono del tutto fuori luogo. Per il Ponente, ricordo, che siamo fortemente impegnati a partire dalla rigenerazione urbana e dalla ricerca di un equilibrio ambientale tra attività portuali e vivibilità dei quartieri. Massima disponibilità da parte mia a rispondere in commissione a tutte le domande dei commissari, ma ricordo che non è prerogativa dell’assessore convocarla, ma dei consiglieri stessi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autoparco a Multedo: il Pd attacca: "Basta servitù per il ponente", il Comune: "Polemiche fuori luogo"

GenovaToday è in caricamento