rotate-mobile
Venerdì, 12 Aprile 2024
Politica

Attraversamenti pedonali e multe, Linea Condivisa: "Solo per fare cassa"

Polemiche dopo il recente giro di vite, il capogruppo del Centro Est Vincenzo Palomba: "Sanzionare chi sbaglia è giusto, ma che questa operazione venga spacciata per una 'messa in sicurezza' dei quartieri ci lascia perplessi"

Linea Condivisa attacca il sindaco di Genova Marco Bucci e il comandante della polizia locale Gianluca Giurato dopo il recente giro di vite sui controlli (con relative multe) agli attraversamenti pedonali, anche attraverso agenti in borghese. Una misura, secondo quanto dichiarato anche in consiglio comunale dall'assessore Campora, necessaria per aumentare la sicurezza stradale e tutelare gli utenti più deboli della strada. 

"Siamo certi che le sanzioni, la multa da pagare per la violazione dell’articolo 191 del codice della strada ammonta a 167 euro, bastino a tutelare i pedoni?" Questa è la domanda che si pone Linea Condivisa, che poi attacca: "Le multe, in questo caso, non hanno niente di rieducativo o preventivo ma sono solo un mero intervento sanzionatorio. Non crediamo affatto che questo possa risolvere il problema degli incidenti - dichiara la presidente Rossella D'Acqui - Semmai, come diciamo da tempo immemore, dovremmo investire in strumenti realmente preventivi come i dissuasori di velocità, le famose 'cunette', che limiterebbero di gran lunga il rischio di incidenti. Ma questa soluzione continua a non essere presa in considerazione dal Comune e dagli uffici preposti".

"Sanzionare chi sbaglia è giusto - precisa il capogruppo in consiglio Municipale Centro Est di Linea Condivisa Vincenzo Palomba - ma che questa operazione venga spacciata per una 'messa in sicurezza' dei quartieri ci lascia perplessi. Perché parlando di sicurezza stradale bisognerebbe anche prevenire il rischio di cadute sui marciapiedi pieni di buche o da scalinate poco illuminate se non addirittura buie. Tra gli esempi che mi vengono in mente, nel mio territorio, la parte terminale di via del Lagaccio senza percorsi pedonali in sicurezza né strisce di attraversamento o sbiadite, ma anche via Adamo Centurione che nel novembre 2021, è rimasta al buio per settimane costringendo i residenti a salire e scendere centinaia di scalini per accedere alle proprie case. E poi anche via Costanzi dove esiste un attraversamento pedonale dopo il capolinea del 40, peccato che la strada sia completamente al buio da decenni. In tutti questi casi, di chi sarebbe stata la responsabilità in caso di incidenti?".

"Quello di Bucci e Giurato è un ottimo espediente per far cassa, ma che non tutela affatto i pedoni né migliora le condizioni di sicurezza stradale - conclude Linea Condivisa - Ci auguriamo che almeno i fondi vengano utilizzati per sistemare le numerosissime buche, per illuminare adeguatamente i quartieri e per tracciare nuovamente gli attraversamenti sbiaditi. Altrimenti, come al solito, si tratterà dell'ennesima operazione di marketing".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attraversamenti pedonali e multe, Linea Condivisa: "Solo per fare cassa"

GenovaToday è in caricamento