rotate-mobile
Politica

Toti-Fi, volano gli stracci. Mulè: "Sembra Di Battista sovrappeso". La lista del presidente: "È body shaming"

Toti: "Aspetto con ansia le prossime opinioni politiche dell’onorevole Mulè. Visto il livello, sono indeciso tra 'Ciccio bomba cannoniere' e 'Non mi hai fatto niente faccia di serpente'"

Dopo le continue querelle con la Lega, volano gli stracci tra il presidente della Regione Liguria e Forza Italia e il livello vira verso il basso: questa volta al centro ci sono le vicende romane, con Toti (leader di Italia al Centro) che punta il dito contro il Carroccio e il partito di Silvio Berlusconi per la mancata fiducia al governo Draghi. Insomma, la maggioranza di centrodestra in Liguria è sempre più fragile, e non mancano i malumori di diversi attuali alleati di Toti che temono un suo avvicinamento al centrosinistra. 

"Il guaio di Giovanni Toti è che, poverino, vive da tempo di livore. Non avendo argomenti dispensa rancore a piene mani nei confronti di chiunqu. Sembra un Di Battista un po’ sovrappeso. Si prova solo molta pena e nulla più" è il commento su Twitter del sottosegretario alla Difesa e deputato di Forza Italia, Giorgio Mulè.

A replicare, la Lista Toti: "Mulè accusa Toti di livore, di carenza di argomenti, di rancore, attaccando anche in modo meschino, visto che non trova di meglio da fare che ricorrere al body shaming. Di solito, si sa, chi non ha argomenti, attacca come chi ha paura cerca di denigrare chi pensa possa metterlo in ombra. Un giochetto poco politico e poco proficuo anche a fronte dei numeri di Forza Italia alle elezioni regionali e comunali liguri: 4-4-2-1 non è nemmeno la formazione della sua squadra del cuore, ma il triste risultato raccolto da chi prova a segnare un goal e puntualmente infila la palla nella porta sbagliata".

"Gli ormai quotidiani insulti del sottosegretario Mulè, a cui siamo costretti nostro malgrado ad assistere per vederlo reclamare in Liguria un briciolo di spazio mediatico, non servono a nulla se non a manifestare la sua pochezza umana e l'insussistenza politica, a maggior ragione in Liguria dove è stato eletto solo grazie al sostegno di Giovanni Toti e dove ci auguriamo di non vederlo più in vista delle prossime elezioni politiche": è quanto dichiarano in una nota la deputata di Italia al Centro, Manuela Gagliardi, l'assessore regionale Giacomo Giampedrone e il coordinatore provinciale di Spezia del partito Loris Figoli. Anche lo stesso Toti commenta su Twitter: Aspetto con ansia le prossime opinioni politiche dell’onorevole Mulè. Visto il livello, sono indeciso tra 'Ciccio bomba cannoniere' e 'Non mi hai fatto niente faccia di serpente'".

Risponde Mulè: "Giova’… il body shaming è cosa seria: non ti allargare (non è body shaming!). E vista la linea di Dibba, la tua (non fisica!) e quella di alcuni tuoi compagni confermo: parlate la stessa lingua. Biforcuta. Ooops: sarà body shaming anche questo? W la Liguria!”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Toti-Fi, volano gli stracci. Mulè: "Sembra Di Battista sovrappeso". La lista del presidente: "È body shaming"

GenovaToday è in caricamento