rotate-mobile
Politica Centro Storico / Piazza dell'Erbe

Movida: bicchieri con cauzione, lite sulla paternità dell'idea

In futuro potrebbe essere introdotto l'uso di bicchieri in polipropilene lavabili con cauzione di un euro, che verrà restituito se il bicchiere verrà riconsegnato al locale. Ma l'idea è stata del Pd o della giunta?

L'ordinanza anti movida prevede il divieto di uscire dai locali con bicchieri o bottiglie di vetro. Così gli esercenti servono da bere in bicchieri di plastica, che spesso finiscono abbandonati in qualche angolo.

Per ovviare al problema, in futuro potrebbe essere introdotto l'uso di bicchieri in polipropilene lavabili con cauzione di un euro, che verrà restituito se il bicchiere verrà riconsegnato al locale.

L'idea sembra buona e così è partito un balletto per rivendicarne la paternità. Ieri il gruppo consiliare del Pd in Comune e il gruppo del municipio Centro-Est hanno inviato alle redazioni un comunicato per lanciare l'iniziativa. Poche ore dopo è arrivata la risposta di Palazzo Tursi.

La replica della giunta comunale

«Apprendiamo con piacere e soddisfazione che il Pd ci appoggi su un progetto presentatoci da alcuni commercianti e residenti del Centro Storico su cui stiamo lavorando già da mesi. Peccato però che, nella smania comunicativa, il Pd giochi a fare il primo della classe su un'iniziativa già in itinere. Noi andiamo avanti con fatti concreti nell'interesse degli abitanti e dei commercianti del centro storico». Così l'assessore al commercio del Comune di Genova Paola Bordilli.

«Tutti i gruppi consiliari - continua l'assessore Bordilli - l'altro ieri, nel corso della riunione di Consiglio municipale, sono stati informati del progetto dallo stesso presidente di Municipio Andrea Carratù e, pertanto, mi sembra un po' scorretto presentarsi come i portatori di un'idea su cui - ripeto - la nostra Amministrazione stava già lavorando».

«Come Amministrazione stiamo facendo un grande lavoro per rendere i nostri quartieri sicuri e decorosi. Anche l'iniziativa di utilizzare sponsor per i nuovi bicchieri - continua Bordilli - non è una novità. I nostri uffici del turismo stanno facendo anche qualcosa in più: vorremmo che questi bicchieri diventassero uno strumento di promozione turistica con le immagini più belle della città, dalla Lanterna alle ville storiche, dai musei alle tante attrazioni culturali che Genova sa offrire».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Movida: bicchieri con cauzione, lite sulla paternità dell'idea

GenovaToday è in caricamento