rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Politica

Minori non accompagnati. Pd e M5s: "Abbandonati a sé stessi", il Comune: "Ciniche strumentalizzazioni"

Scintille in consiglio comunale tra maggioranza e opposizioni sulle condizioni di alcuni minori non accompagnati presenti in città, giovani che provengono per la maggior parte da Egitto, Albania e Tunisia

Scintille in consiglio comunale tra maggioranza e opposizioni sulle condizioni di alcuni minori non accompagnati presenti in città, giovani che provengono per la maggior parte da Egitto, Albania e Tunisia. Il tema è stato affrontato in seguito a due interrogazioni presentate da Alessandro Terrile del Partito Democratico e Stefano Giordano del Movimento 5 Stelle, alle quali ha risposto in aula l'assessore Lorenza Grosso, in seguito anche il consigliere delegato alla Politiche sociali del Comune di Genova Mario Baroni è intervenuto nel dibattito con una nota.

"Rispondendo a un’interrogazione del capogruppo Alessandro Terrile - ha scritto il Pd in una nota - la giunta comunale ha confermato che sono ancora 73 i minori non accompagnati collocati in alberghi del Centro Storico, per indisponibilità di altre strutture. Da diverse settimane sono di fatto abbandonati a loro stessi, senza assistenza sociale e sanitaria, senza scarpe e vestiario, obbligati a lasciare gli alberghi nelle ore diurne. Non godono neppure del servizio pasti, per i quali usufruiscono delle mense per bisognosi di Piazza Santa Sabina o presso le stazioni ferroviarie cittadine. La giunta non ha neppure indicato una data in cui intende porre fine alle soluzioni alberghiere di emergenza, e ha tentato in maniera autoassolutoria di scaricare la responsabilità sulle organizzazione del terzo settore, che a suo dire non sarebbero disponibili a intervenire. E intanto i minori restano abbandonati in albergo. L’atteggiamento del Comune non solo viola le norme e le convenzioni internazionali a tutela dei minori, ma tradisce la storia di accoglienza e solidarietà della nostra città".

Il consigliere delegato alla politiche sociali Mario Baroni ha replicato: "Il Comune di Genova, in particolare la direzione politiche sociali, è in prima linea nella presa a carico dei minori stranieri non accompagnati, la cui presenza sul territorio ha avuto un’impennata preoccupante nel corso di quest’anno. Come ha ricordato in aula l’assessore Rosso, a Genova i minori non accompagnati sono passati dai 231 del 2019 agli attuali 338, 150 in più del 2020: un numero impressionante, cresciuto in modo esponenziale nell’ultimo semestre. Noi non siamo rimasti a guardare, come qualcuno dalla minoranza vorrebbe far intendere, ma ci siamo attivati chiamando alla collaborazione le associazioni del terzo settore e attivando ogni forma di assistenza sul territorio. Abbiamo portato la situazione all’attenzione di tutti i tavoli istituzionali anche a livello centrale, ma fino a oggi la risposta non è stata sufficiente ad andare incontro all’emergenza che ci troviamo a fronteggiare a Genova come in tutti i Comuni, grandi e piccoli, tanto che anche l’Anci si è mobilitata auspicando un intervento forte e concreto da parte del ministero dell’Interno. Da parte nostra, nonostante le comprensibili difficoltà espresse dal variegato mondo del terzo settore nella presa a carico di minori non accompagnati, abbiamo continuato il dialogo con le associazioni, messo a disposizione immobili di proprietà per una sinergia pubblico-privato, attivata la macchina sanitaria che ha portato a tamponare prima e vaccinare poi tutti i minori accolti nelle strutture alberghiere. Dalla scorsa settimana abbiamo iniziato a trasferire dagli alberghi temporanei alle strutture che si sono date disponibili come l’ostello di via Costanzi, la casetta degli Emiliani e da gennaio anche i neomaggiorenni saranno gradualmente trasferiti in alloggi di cohousing in zona Principe. Tutti i ragazzi hanno vestiario, cibo e assistenza sociosanitaria, con visite quotidiane degli operatori del sociale. Le ciniche strumentalizzazioni sulla pelle dei più deboli fatte da una certa parte di minoranza sono inutili quanto dannose: meglio farebbero certi esponenti politici a unirsi al coro delle nostre istanze verso il governo per non lasciare sulle spalle e sulle casse, ormai insufficienti vista l’escalation dei numeri, dei Comuni un’emergenza mai vista".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minori non accompagnati. Pd e M5s: "Abbandonati a sé stessi", il Comune: "Ciniche strumentalizzazioni"

GenovaToday è in caricamento