La Regione dice 'sì' al referendum sulla legge elettorale, proposto da Salvini

La minoranza è uscita dall'aula dopo la decisione della giunta di accorpare gli emendamenti. Il referendum ha ottenuto così il numero minimo di Regioni a favore per la sua presentazione al Presidente della Repubblica

Dopo Lombardia, Sardegna, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Piemonte, Umbria e Basilicata anche la Liguria ha detto sì al referendum, proposto dalla Lega di Salvini, per abolire la parte proporzionale della legge elettorale nazionale.

A dire 'sì' alla Proposta di deliberazione per la 'Abrogazione delle disposizioni sull'attribuzione dei seggi con metodo proporzionale in collegi plurinominali nell'elezione della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica' sono stati 17 consiglieri (Giovanni Boitano del Gruppo misto e la maggioranza, escluso Giovanni De Paoli della Lega Nord Liguria che si è astenuto).

I consiglieri di Pd, Movimento5Stelle e Rete a Sinistra hanno abbandonato l'aula prima del voto.

Il quesito referendario abroga le disposizioni del sistema elettorale della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica concernenti l'attribuzione dei seggi in collegi plurinominali con metodo proporzionale. La nuova normativa attribuisce tutti i seggi per la Camera e per il Senato in collegi uninominali, in ciascuno dei quali risulta eletto il candidato che abbia conseguito il maggior numero di voti. A tal fine sono interessati dalle abrogazioni le disposizioni contenute nel testo unico per l'elezione della Camera (Dpr 361/1957), nel testo unico per l'elezione del Senato (d.lgs. 533/1993) e nella legge 51/2019, cioè la vigente delega per la revisione dei collegi sia plurinominali sia uninominali che, a seguito dell'intervento abrogativo, costituirebbe lo strumento per la determinazione dei collegi uninominali. Si tratta di un unico quesito che investe in modo omogeneo il sistema elettorale di Camera e Senato con l'abrogazione della parte proporzionale con la conseguente estensione del sistema maggioritario in collegi uninominali.

Il Consiglio ha respinto gli emendamenti presentati dalla Rete a Sinistra&liberamente Liguria e Pd con il voto contrario di Giovanni Boitano (Gruppo misto) e della maggioranza, eccetto Giovanni De Paoli (Lega Nord Liguria Salvini), che non ha partecipato al voto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I consiglieri di Pd, Mov5Stelle, Rete a Sinistra &liberamente Liguria, dopo la prima votazione degli emendamenti hanno abbandonato l'aula per protesta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nel fiume e batte la testa, muore nel trasporto in ospedale

  • Spesa da 150 euro all'Ipercoop, ma cerca di uscire pagandone solo 10

  • Le Frecce Tricolori martedì a Genova: quando e da dove vederle

  • L'uomo più anziano della Liguria compie 108 anni

  • Incidente in Sopraelevata, grave scooterista: traffico bloccato

  • Coronavirus, solo 17 nuovi contagi nelle ultime ore

Torna su
GenovaToday è in caricamento