'Italia veloce': il governo inserisce Gronda e altre opere per la Liguria

Nel programma rientrano anche l'alta velocità ferroviaria Genova-Ventimiglia, la pontremolese La Spezia-Parma e la demolizione e realizzazione del nuovo ponte sullo Scrivia sull'autostrada A7

C'e' anche la realizzazione della Gronda autostradale di Genova nell'elenco delle 130 opere strategiche del programma 'Italia veloce', approvato la scorsa notte dal consiglio dei ministri, su indicazione del ministero dei Trasporti. Lo ha annunciato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, nella conferenza stampa di presentazione del decreto Semplificazioni.

Altre opere annunciate dal premier che riguardano la Liguria sono «l'alta velocità ferroviaria Genova-Ventimiglia, la pontremolese La Spezia-Parma e la demolizione e realizzazione del nuovo ponte sullo Scrivia sull'autostrada A7».

Il Dl semplificazioni ha ricevuto il via libera 'salvo intese', formula che è stata resa necessaria da questioni tecniche perché l'accordo politico sui punti più controversi sarebbe stato stretto. Uno degli argomenti chiave del decreto semplificazioni riguarda l'elenco delle grandi opere da sbloccare, appalti che potranno viaggiare su una 'corsia preferenziale' su ispirazione del cosiddetto 'modello Genova'.

La riunione al Mit ha visto 'partorire' una lista di 50 opere, che potranno essere affidate a dei commissari nominati con Dpcm ad hoc da qui a fine anno. La lista non compare nel testo del decreto, ma nell'allegato infrastrutture adottato insieme al Programma nazionale di riforma, approvato anch'esso nella riunione di ieri assieme all'assestamento di bilancio e al rendiconto dello Stato. Potrebbe essere realizzata con commissariamento anche la nuova diga foranea di Genova.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«L'ennesimo decreto - dichiara il deputato e responsabile nazionale Infrastrutture della Lega Edoardo Rixi - per annunciare, in conferenza stampa, quello che si sa da vent'anni: su opere strategiche, come la Gronda, non servono altri decreti, ma solo una firma del ministro, attesa da settembre. Ci sono tutte le autorizzazioni, basta una firma e i cantieri potrebbero partire in poche settimane. Invece di semplificare, con questo ennesimo decreto inutile per la Gronda, si complica, si allungano i tempi. In pratica, non si decide, come avviene sul balletto revoca sì o revoca no sulle concessioni autostradali, che tengono la Liguria ostaggio di cantieri e immobilismo infrastrutturale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Derubato tre volte in una notte, l'ultimo ladro lo abbraccia per 'consolarlo'

  • Autostrade, concluse le ispezioni nelle gallerie; diventano gratis 150 km

  • Lite fra sorelle, la polizia scopre piante di marijuana nell'orto

  • Previsioni traffico estate 2020, un solo giorno da bollino nero

  • Inaugurato il nuovo ponte di Genova, fra «orgoglio e commozione»

  • Investita mentre attraversa la strada, grave anche il conducente dello scooter

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento