menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gronda: il Comune nomina Paolo Gozzi come suo rappresentante

Paolo Gozzi, del Partito Democratico, è il nuovo rappresentate del consiglio comunale presso l'Osservatorio locale per la gronda di ponente. Con la sua elezione, il consiglio ha finalmente ripristinato la propria presenza nel principale organo di raccordo

Genova - Paolo Gozzi, del Partito Democratico, è il nuovo rappresentate del consiglio comunale presso l'Osservatorio locale per la gronda di ponente. Con la sua elezione, il consiglio ha finalmente ripristinato la propria presenza nel principale organo di raccordo tra le istituzioni e i soggetti responsabili dell'opera, sanando così una situazione che si protraeva da oltre sette mesi. Da quando, cioè, con l'inizio del nuovo ciclo amministrativo era decaduto l'incarico del precedente rappresentante, Giuseppe Costa, non riconfermato nella carica di consigliere.

 

Il capogruppo del Partito Democratico Simone Farello sottolinea l'importanza di questo passaggio: «Ancora una volta i fatti superano gli sterili dibattiti ideologici. Il largo sostegno a Paolo Gozzi dà forza al consiglio comunale nel continuare a svolgere il suo ruolo sulla Gronda: il problema non è "se" ma "come" realizzare l'opera. Il tracciato che si sta valutando in sede di Via è stato prodotto dal Dibattito pubblico ed è quindi già frutto di un confronto con i cittadini. Molte cose sono ancora da fare per migliorare l'impatto dei cantieri e la funzionalità dell'opera. L'Osservatorio serve a questo: a portare in Conferenza dei servizi le istanze del territorio».

«Il Pd – aggiunge Farello – crede fermamente nella possibilità di coniugare sviluppo e sostenibilità ma questo non accade per caso: accade grazie al lavoro della politica e dell Isituzioni. Siamo convinti che Paolo Gozzi, consigliere del Ponente, saprà rappresentare al meglio queste istanze».

«Il mio ruolo – spiega lo stesso Gozzi – sarà quello di rendere il consiglio pienamente partecipe rispetto all'attività dell'Osservatorio e di riferire con puntualità in merito ad ogni futuro accordo e alle novità tecniche che emergeranno di volta in volta nel corso delle sue riunioni che, per inciso, dovranno essere convocate con maggiore frequenza rispetto ad oggi».

«Ma soprattutto – aggiunge il neoeletto rappresentante del consiglio comunale – la mia principale attenzione sarà quella di tutelare e rappresentare i cittadini residenti nelle aree direttamente interessate dall'opera. Entro la primavera avremo la Via, con la quale si concluderà la fase istruttoria. Dopodiché, l'opera passerà all'esame della Conferenza dei servizi, che sarà la sede dove emergeranno con più chiarezza le istanze del territorio. La salute della popolazione e la salvaguardia ambientale delle valli coinvolte più da vicino dai lavori della gronda saranno prioritarie, così come la definizione delle opere compensative per le zone direttamente asservite dall'opera».

Chi è. Paolo Gozzi ha 27 anni ed è uno dei più giovani consiglieri nell'attuale ciclo amministrativo. Laureato in Giurisprudenza e attivo nel mondo del volontariato e dell'associazionismo, dal 2007 al 2012 è stato consigliere nel Municipio VII Ponente dove, dal 2010, ha ricoperto il ruolo di assessore a Cultura, Bilancio, Scuole e Sport. Nel maggio 2012 è stato eletto per la prima volta in consiglio comunale nella lista del Partito Democratico, risultando il secondo candidato in assoluto più votato.

Attendere un istante: stiamo caricando il sondaggio...

Gronda: opera necessaria o costosa e inutile?



Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento