Domenica, 19 Settembre 2021
Politica

Governo Draghi, la frecciata di Toti: «Dopo Azzolina e Toninelli fate i difficili?»

Il presidente della Regione Liguria appoggia via social un esecutivo guidato dall’ex presidente della Bce: «Magari stavolta una la azzecchiamo»

Dopo lo scioglimento delle riserve da parte di Silvio Berlusconi, anche il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, ha deciso di dare il proprio appoggio a Mario Draghi nel giorno in cui l’ex presidente della Bce ha avviato le consultazioni per formare un nuovo governo.

Toti ha sfruttato Facebook per lanciare una frecciata ai più reticenti: «Ma dopo che negli ultimi tre anni ci siamo beccati Toninelli e la Azzolina, il reddito di cittadinanza e i banchi a rotelle, ora che arriva Draghi c’è anche chi fa il difficile?», ha ironizzato, invitando poi a «darci una mossa, che l’Italia ha bisogno di decisioni! E dopo tante scelte sbagliate, magari stavolta una la azzecchiamo».

Le consultazioni tra le forze politiche in Parlamento e Mario Draghi inizieranno nel pomeriggio, obiettivo capire se un governo guidato dall’ex presidente della Bce avrà il sostegno necessario a nascere e restare in carica. In caso positivo, Draghi scioglierà la riserva e inizierà la conta dei ministri, in caso negativo il mandato tornerà nella mani del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che dovrà decidere il da farsi.

Sul risultato delle consultazioni, ancora c’è caos. Lega e Fratelli d’Italia continuano a insistere per andare al voto, mentre il Movimento 5 Stelle sembra spaccato: da un lato chi sbarra la strada a un governo Draghi, dall’altro chi è più conciliante e invita ad ascoltare, come nel caso del ministro degli Esteri, Luigi Di Maio. Toti, dal canto suo, come leader di Cambiamo! ha dato da subito segnali di apertura a un governo Draghi, confermandoli nel giorno dell’avvio delle consultazioni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Governo Draghi, la frecciata di Toti: «Dopo Azzolina e Toninelli fate i difficili?»

GenovaToday è in caricamento