Gaslini, presentato in corsia il nuovo anno scolastico

Presente l'assessore Pippo Rossetti, il direttore scolastico Giuliana Pupazzoni e Paolo Petralia del Gaslini

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di GenovaToday

Inaugurato in corsia l’anno scolastico regionale 2011 – 2012. L’assessore regionale all’istruzione della Regione Liguria Pippo Rossetti e il  direttore  regionale  scolastico  Giuliana  Pupazzoni  hanno inaugurato l’anno  scolastico  insieme  ai  bambini  e  alle  maestre  della Scuola in Ospedale dell’Istituto G. Gaslini.

Questa mattina - per la prima volta - presso l’Istituto Giannina Gaslini di Genova,  l’assessore regionale all’istruzione Pippo Rossetti e il direttore regionale   scolastico   Giuliana  Pupazzoni,  accompagnati  dal  direttore generale  dell’Istituto  Gaslini,  Paolo Petralia e dal direttore sanitario Silvio  Del  Buono hanno inaugurato l’anno scolastico regionale 2011- 2012.

“Un’inaugurazione simbolica che ha voluto rendere onore ad una delle realtà più  antiche  e significative nell’ambito della scuola in corsia in Italia,una  realtà  di vera eccellenza” ha dichiarato l’assessore Rossetti durantela  successiva  visita  nei  Day  Hospital  dei  reparti  di  Ortopedia  e Neuropsichiatria.

 Al  Gaslini,  infatti, da 30 anni, sono attive la scuola dell’infanzia,  la primaria e secondaria inferiore, per permettere ai tantibambini  ospiti  dell’ospedale  di  continuare a studiare, anche durante ledegenze,  aiutandoli  a condurre una vita il più possibile vicino alla loro quotidianità.  

“Un  aiuto  alle  famiglie - ha detto il direttore Generale Petralia – che intendiamo potenziare e  rilanciare anche attraverso un’azione promozionalee  preventiva”.  “La  presenza  del mondo scolastico al Gaslini consente di offrire migliaia di giornate di frequenza ai bambini ricoverati nei diversi reparti  –  ha  sottolineato  il  direttore  regionale Pupazzoni, in futuro potremmo  anche formare le insegnanti su temi che oggi riguardano purtroppo sempre  più  da vicino anche i bambini e gli adolescenti, come, tra i moltidisturbi  psicosociali,  l’anoressia,  la bulimia, la dipendenza dal gioco, dall’alcol  e  da sostanze stupefacenti”.  

Senza dimenticare che il Gaslini può offrire un contatto reale con il mondo del dolore e della malattia che,attraverso  ad esempio l’esperienza altamente formativa del volontariato incorsia,  può  diventare  un  tassello  importante nel percorso formativo ditanti adolescenti.

Torna su
GenovaToday è in caricamento