menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Esenzione del ticket per le vittime della violenza di genere

Nel documento si sottolinea che sono pervenute in questi anni da parte delle vittime di violenza e da alcune Asl interrogazioni in merito all’applicazione del ticket sanitario per le prestazioni successive ad atti di violenza domestica e sessuale

Il Consiglio Regionale ha approvato all'unanimità la mozione presentata da Fabio Tosi (Movimento 5 Stelle) e sottoscritta dai colleghi di gruppo Marco de Ferrari, Francesco Battistini, Gabriele Pisani, Alice Salvatore e Andrea Melis, che impegna la giunta a garantire, compiuta entro sei mesi una valutazione dell'impatto economico, l’esenzione del ticket sanitario per tutte le azioni successive ad atti di violenza sessuale e domestica.

Nel documento si sottolinea che sono pervenute in questi anni da parte delle vittime di violenza e da alcune Asl interrogazioni in merito all’applicazione del ticket sanitario per le prestazioni successive ad atti di violenza domestica e sessuale e che le azioni di contrasto alla violenza sono prioritarie per la società civile e il sostegno alle vittime non può solo essere formale.

Lilli Lauro (Lista Toti Liguria), favorevole alla mozione, ha però chiesto che il Consiglio riservi analoga attenzione ai padri separati che spesso vivono situazioni drammatiche. Ha quindi sollecitato audizioni, nell'apposita commissione, delle Associazioni dei padri separati: «Talvolta, in determinate  situazioni, alcune donne, a seguito della separazione, riducono gli uomini a larve - ha detto -. Non dobbiamo nasconderci questa realtà: è necessario occuparsene in commissione». La proposta è stata accolta favorevolmente.

Nel dibattito sono intervenuti, fra gli altri, Luca Garibaldi (Pd), Raffaella Paita (Pd), Gianni Pastorino (Rete a sinistra), Angelo Vaccarezza (FI) Stefania Pucciarelli (Lega Nord Liguria-salvini), Giovanni Barbagallo (Pd), Andrea Costa (Gruppo misto-Ncd Area popolare) e Sergio Rossetti (Pd).

L'assessore alla sanità Sonia Viale, dopo avere condiviso nel merito il testo, ha chiesto di inserire la modifica che introduce una valutazione sull'impatto economico di questa misura. Tosi ha accolto la modifica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Vaccini covid, Astrazeneca per le persone tra 60 e 79 anni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Begato, è iniziata la demolizione della diga

  • Coronavirus

    Chiavari, aperto il nuovo hub da 1.600 vaccini al giorno

  • Coronavirus

    Coronavirus, 202 nuovi casi e altri sette decessi

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento