menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elisoccorso, polemica Regione e Pd per ingresso privati nel servizio

Partito il bando per l'assegnazione dei servizi di trasporto sanitario, in cui vengono inclusi i privati. L'appalto prevede un esborso di circa 33 milioni in più per i 7+2 anni di assegnazione

Inizia con una polemica il nuovo anno della Regione. Oggetto del contendere, il servizio di elisoccorso, per cui è partita proprio a fine anno la nuova gara.

L’accordo prevede che il servizio di elisoccorso in Liguria (i cosiddetti trasporti emergenziali SAR – Search and Rescue) resti affidato ai due elicotteri dei Vigili del fuoco (con possibilità di allargarsi anche alle regioni limitrofe), mentre i trasporti sanitari (quelli che non hanno carattere di urgenza e che fungono meramente da trasferimento tra ospedali) verranno affidati in appalto nel corso di una gara europea del valore di 33 milioni di euro per 7 anni, più due di eventuale proroga. 

E proprio l’ingresso dei privati ha scatenato le proteste dell’opposizione, con il consigliere del Pd, Pippo Rossetti, che ha puntato il dito contro l’aumento di spesa e la privatizzazione: «In Liguria da sempre i Vigili del Fuoco hanno svolto un servizio eccellente di elisoccorso con una cifra molto inferiore di quanto hanno sempre speso le altre regioni: 1,8 milioni di euro all’anno. La Regione avrebbe dovuto rilanciare il servizio, ampliarlo per le parti mancanti, come è stato proposto ai privati: servizio notturno e una postazione di elicotteri nell’Albenganese. Ma nel totale silenzio dei membri liguri del Governo, Rixi e Siri, il Viminale a agosto ha disdetto i servizi e a dicembre scopriamo che il risultato è molto, molto costoso perle tasche dei Liguri».

Immediata la replica dell’assessore alla Sanità, e vicepresidente della Regione, Sonia Viale: «Il consigliere Rossetti lasci stare i colori dei partiti che guidano il paese e la Liguria visto che in tutte le Regioni a guida centrosinistra il servizio di elisoccorso, sia i trasporti ordinari sia di emergenza, sono affidati ai privati per chiara scelta politica e non, come accaduto in Liguria, per scelta obbligata a causa della disdetta del servizio da parte del Dipartimento nazionale dei Vigili del Fuoco. Solo la capacità di sintesi e mediazione di questa Giunta regionale e la disponibilità del Corpo a livello nazionale e locale hanno consentito alla Liguria di mantenere l’impegno assunto e di rimanere l’unica regione in Italia con la convenzione con i Vigili del Fuoco per i soccorsi Search and Rescue (Sar)”. 

«La gara d’appalto prevede una base d’asta da 33 milioni di euro per nove anni - non sette come scritto da Rossetti - con una base in più ad Albenga oltre al servizio sulle 24 ore, quindi anche nelle ore notturne. Da un ex assessore al Bilancio - ha concluso Viale - mi sarei aspettata che sapesse almeno far di conto anziché tirare i dadi».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Costume e società

Da dove deriva il nome del quartiere Marassi?

Coronavirus

Si presenta di notte all'hub per il vaccino, ma trova chiuso

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento