rotate-mobile
Sabato, 3 Dicembre 2022
Elezioni

Elezioni politiche 2022, Noi Moderati di Toti fuori dal Parlamento

"Gli elettori di 'centro' si sono divisi scegliendo più offerte, anche su poli opposti. C'è ancora molto lavoro da fare perché, su questo fronte, nessuno può ritenersi davvero soddisfatto, al netto delle dichiarazioni di maniera". Così il governatore ligure

La coalizione di centrodestra sbaraglia la concorrenza sia alla Camera, che al Senato e Giorgia Meloni di Fratelli d'Italia è destinata a diventare la prima premier donna. Al successo (qui i risultati) del partito della Meloni fa da contraltare il risultato al di sotto delle attese per 'Noi moderati', il partito del presidente della Regione, Giovanni Toti, che resta fuori dal Parlamento, attestandosi intorno al 2% sia alla Camera che al Senato.

Intorno alle 3 di notte il governatore ha affidato ai social le prime riflessioni. "Alcune prime, brevi considerazioni a spoglio ancora in corso - scrive Toti -. Una di carattere nazionale: non potevamo aspettarci in un solo mese, in piena estate, di consolidare una proposta politica nata in fretta, unendo esperienze diverse. Di certo gli elettori non l'hanno premiata come avremmo sperato. Le buone esperienze amministrative contenute nella lista 'Noi Moderati', pur sommate, non sono state sufficienti a costruire una proposta nazionale di buon consenso. Gli elettori di 'centro' si sono divisi scegliendo più offerte, anche su poli opposti. C'è ancora molto lavoro da fare perché, su questo fronte, nessuno può ritenersi davvero soddisfatto, al netto delle dichiarazioni di maniera".

"La seconda considerazione più locale, che riguarda la nostra Liguria. Ancora una volta - prosegue Toti -, come già era successo in parte nel 2018, il successo amministrativo del governo regionale e i successi dei tanti sindaci che fanno riferimento a questa coalizione non si trasferiscono al voto politico degli stessi elettori. Al netto dei singoli risultati, ancora da verificare, il centrodestra perde infatti circa 20 punti percentuali sia rispetto alle passate comunali di Genova, La Spezia e di altri comuni, così come gli stessi 20 punti mancano rispetto alle passate elezioni regionali del settembre 2020".

"E in questo caso - continua il governatore -, anche in Liguria la lista 'Noi Moderati', la più civica, per così dire, delle offerte politiche della coalizione, non raccoglie neppure lontanamente i consensi ottenuti dalla lista Toti o dalle civiche dei sindaci solo pochi mesi fa. Segno che molti elettori, che pure hanno premiato le esperienze di governo del centrodestra in regione e nei comuni, alle politiche hanno invece scelto altre opportunità. E su questo dovremo riflettere".

"Comunque vada a finire, la coalizione di centrodestra manderà a Roma rappresentanti preparati e innamorati della propria terra. E di questo sono orgoglioso. Grazie a tutti coloro che hanno lavorato senza risparmiarsi in questa avventura. Ora all'Italia serve un Governo stabile e capace, e sono certo che Giorgia Meloni saprà guidarlo con equilibrio. La scelta di dare il nostro contributo di idee e di voti all'unico Governo possibile e utile al Paese credo sia stata la scelta giusta. Noi da domani mattina torniamo al lavoro per la nostra Liguria, come abbiamo fatto ogni giorno negli ultimi 7 anni".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni politiche 2022, Noi Moderati di Toti fuori dal Parlamento

GenovaToday è in caricamento