rotate-mobile
Elezioni

Toto-assessori: conferme e nuovi equilibri per la futura giunta Bucci

Calano le chance della Lega di avere il numero di assessori della giunta precedente

Una volta chiarita la composizione del consiglio comunale e il peso delle varie forze politiche al suo interno, il sindaco di Genova Marco Bucci dovrà iniziare a pensare alla nuova giunta che guiderà il Comune per i prossimi cinque anni.

Si tratta di equilibri tutt'altro che invariabili, e che possono cambiare nel tempo con rimpasti per diversi fattori, com'era successo con le dimissioni dell'assessora Elisa Serafini in polemica con la giunta, oppure a causa di altre elezioni, come nel caso di chi era andato in consiglio regionale nel 2020, lasciando il posto in Comune.

Sulla scia delle preferenze e delle percentuali ottenute dalle liste, è possibile già tracciare un primo quadro di quelli che potrebbero essere alcuni degli assessori della nuova giunta Bucci.

Intanto un ruolo importante potrebbe essere quello di Pietro Piciocchi, "super assessore" uscente con 24 deleghe tra cui Bilancio, Lavori Pubblici, Manutenzioni e Verde pubblico: per lui, capolista di "Vince Genova" e primo arrivato con più di mille preferenze, secondo indiscrezioni, potrebbe essere già pronto il ruolo di vicesindaco. Riconferma quasi certa anche per Matteo Campora, assessore con 15 deleghe tra cui Trasporti, Mobilità Integrata, Ambiente, Rifiuti, Animali ed Energia. Anche Campora è stato eletto in seno a "Vince Genova" con più di 870 preferenze.

Con più di 760 preferenze, terzo nella lista di Bucci arriva Paolo Gozzi, ex Pd, mentre al quarto posto c'è Mauro Avvenente con più di 590 voti, eletto nel 2017 con il Pd e poi passato a Italia Viva. Anche per loro due - che arrivano dall'ala dem - potrebbero essere in arrivo incarichi. "Non vedo l'ora che siate in consiglio - aveva detto Bucci a maggio, accogliendo i renziani (Avvenente, Falderi e Criserà) - magari con qualche incarico in più".

Certo è che nella scelta avranno un peso anche i nuovi equilibri politici: la Lega, ad esempio, rispetto a cinque anni fa passa dal 12,96% al 6,76%, dal primo al quarto posto nella coalizione, e in consiglio comunale avrà solo più tre seggi. Se nel 2017 aveva ottenuto il presidente del consiglio comunale, tre assessori e un consigliere con delega, adesso il quadro diventa molto più incerto. Oltre a "Vince Genova" e prima della Lega, presumibilmente, a rivendicare posti in giunta saranno - prima del Carroccio - Fratelli d'Italia (in primis Antonino Sergio Gambino, in precedenza consigliere con delega alla Protezione Civile, forte di più di 760 preferenze e primo nella lista FdI) e la lista Toti.

Per quanto riguarda la Lega, potrebbe essere riconfermata Paola Bordilli, assessora uscente al Commercio: gli elettori hanno scritto il suo nome sulla scheda più di 740 volte.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Toto-assessori: conferme e nuovi equilibri per la futura giunta Bucci

GenovaToday è in caricamento