Città Metropolitana: relazione di fine mandato per Doria, ora tocca a Bucci

Dopo due anni è mezzo si è conclusa l'esperienza del primo sindaco metropolitano di Genova, Marco Doria. Con la sua elezione a Palazzo Tursi, anche l'ex Provincia passa ora nelle mani del manager

Con l'elezione di Marco Bucci a sindaco di Genova, oltre al Comune anche Città metropolitana ha un nuovo vertice istituzionale. Il sindaco metropolitano uscente Marco Doria ha consegnato al suo successore i risultati di due anni e mezzo di lavoro, riassunti e spiegati nella relazione di fine mandato. Città metropolitana è nata l'1 gennaio 2015 per effetto della legge Del Rio e Marco Doria ne è stato il primo sindaco.

«La legge Delrio - ha detto il sindaco uscente nella presentazione del documento - ha segnato una svolta fondamentale per il governo del territorio di area vasta poiché disegna i confini e le competenze dell'amministrazione locale dando finalmente attuazione alle città metropolitane. La nuova legge ha affidato ai sindaci e agli amministratori dei Comuni del territorio il compito di modellare il nuovo sistema sulla base delle esigenze e delle prospettive di sviluppo di ogni realtà metropolitana, conseguendo una nuova capacità di coordinamento dell'azione complessiva di governo del territorio metropolitano. Ed è la capacità di costruire una vera governance unitaria ed efficace a consentire alla nuova amministrazione di governare per trovare soluzioni condivise alle questioni metropolitane e di assolvere al difficile compito di migliorare i servizi, ammodernare la pubblica amministrazione e rinnovare il rapporto tra cittadini e istituzioni».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Con questa relazione - ha concluso Doria - intendo comunicare in modo diretto ed essenziale l'attività svolta e le risorse impiegate durante il mio mandato a capo della Città metropolitana di Genova. Certamente è stato un mandato complesso, contraddistinto da una progressiva diminuzione delle risorse a disposizione che ci ha costretti a fare i conti con una realtà complessa da affrontare. Ciò nonostante la Città metropolitana di Genova, è riuscita a garantire i servizi essenziali ai cittadini e alle imprese del suo territorio e a chiudere i propri bilanci in pareggio. È stato anche un mandato di sfide. Siamo riusciti ad approvare, tra i primi in Italia, il primo Piano strategico di Città metropolitana. Abbiamo realizzato un change management per accompagnare e governare questa trasformazione e per preparare così il personale al cambiamento. Lasciamo un assetto istituzionale e organizzativo in grado di avviare le strategie e i primi progetti condivisi con il territorio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bassetti: «In ospedale al primo sintomo influenzale per la paura che è stata trasmessa»

  • Auto pirata travolge gruppo di giovani a Quezzi, 4 feriti gravi tra cui una ragazza incinta

  • Covid, nuove regole in Liguria: alle superiori lezioni a casa a rotazione, "coprifuoco" in 4 zone di Genova

  • Covid, il coprifuoco per frenare il contagio: cosa succede nelle zone rosse. Ospedali in affanno

  • Incidente a Quezzi, arrestato il pirata della strada

  • Dialetto curioso: "massacan", da dove deriva questa parola antichissima?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento