Città Metropolitana: relazione di fine mandato per Doria, ora tocca a Bucci

Dopo due anni è mezzo si è conclusa l'esperienza del primo sindaco metropolitano di Genova, Marco Doria. Con la sua elezione a Palazzo Tursi, anche l'ex Provincia passa ora nelle mani del manager

Con l'elezione di Marco Bucci a sindaco di Genova, oltre al Comune anche Città metropolitana ha un nuovo vertice istituzionale. Il sindaco metropolitano uscente Marco Doria ha consegnato al suo successore i risultati di due anni e mezzo di lavoro, riassunti e spiegati nella relazione di fine mandato. Città metropolitana è nata l'1 gennaio 2015 per effetto della legge Del Rio e Marco Doria ne è stato il primo sindaco.

«La legge Delrio - ha detto il sindaco uscente nella presentazione del documento - ha segnato una svolta fondamentale per il governo del territorio di area vasta poiché disegna i confini e le competenze dell'amministrazione locale dando finalmente attuazione alle città metropolitane. La nuova legge ha affidato ai sindaci e agli amministratori dei Comuni del territorio il compito di modellare il nuovo sistema sulla base delle esigenze e delle prospettive di sviluppo di ogni realtà metropolitana, conseguendo una nuova capacità di coordinamento dell'azione complessiva di governo del territorio metropolitano. Ed è la capacità di costruire una vera governance unitaria ed efficace a consentire alla nuova amministrazione di governare per trovare soluzioni condivise alle questioni metropolitane e di assolvere al difficile compito di migliorare i servizi, ammodernare la pubblica amministrazione e rinnovare il rapporto tra cittadini e istituzioni».

«Con questa relazione - ha concluso Doria - intendo comunicare in modo diretto ed essenziale l'attività svolta e le risorse impiegate durante il mio mandato a capo della Città metropolitana di Genova. Certamente è stato un mandato complesso, contraddistinto da una progressiva diminuzione delle risorse a disposizione che ci ha costretti a fare i conti con una realtà complessa da affrontare. Ciò nonostante la Città metropolitana di Genova, è riuscita a garantire i servizi essenziali ai cittadini e alle imprese del suo territorio e a chiudere i propri bilanci in pareggio. È stato anche un mandato di sfide. Siamo riusciti ad approvare, tra i primi in Italia, il primo Piano strategico di Città metropolitana. Abbiamo realizzato un change management per accompagnare e governare questa trasformazione e per preparare così il personale al cambiamento. Lasciamo un assetto istituzionale e organizzativo in grado di avviare le strategie e i primi progetti condivisi con il territorio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientra a casa tardi e litiga con la moglie, si scopre che era a spacciare

  • Temperature in picchiata, in Liguria arriva la prima neve

  • Sos freddo al parco canile Dogsville: come aiutare

  • Peggioramento in arrivo: l'allerta meteo diventa arancione

  • Razzismo contro bimbo disabile sul bus: «Me lo potete togliere?»

  • Allerta meteo, fulmine spegne la Lanterna. Neve e frane nell'entroterra

Torna su
GenovaToday è in caricamento