Durc, da Tursi arriva il via libera per la rateizzazione dei contributi

L'assessore allo Sviluppo Economico, Emanuele Piazza, ha annunciato in consiglio comunale che il Comune invierà una lettera dove illustrerà la possibilità di pafare a rate le somme necessarie a conseguire il documento unico di regolarità contributiva

Tursi sventola il ramoscello d’ulivo davanti a commercianti mercatali e ambulanti che devono pagare i contributi Inps per richiedere il Durc, il Documento unico di regolarità contributiva che attesta la regolarità di un’impresa: l’assessore allo Sviluppo Economico, Emanuele Piazza, ha annunciato in consiglio comunale che a breve verrà inviata una lettera per illustrare la possibilità di rateizzare il pagamento.

«Siamo ben consapevoli della situazione di difficoltà in cui versano numerosi operatori commerciali per mettersi in regola con il Durc, perciò sarà possibile avviare un percorso di rateazione dei contributi Inps per garantirne la regolarizzazione», ha confermato Piazza, che rispondendo a un’interrogazione di Stefano De Pietro (M5S) ha spiegato che «il termine di due anni previsto dalla Regione per mettersi in regola è scaduto. In assenza di una nuova normativa regionale, il Comune dovrà  effettuare i controlli, come richiesto dalle associazioni di categoria, e nel caso in cui non vi siano le condizioni di regolarità dovrà ritirare la concessione dell’esercizio commerciale. Il Comune spedirà una lettera che invita a una celere regolarizzazione, e poi procederà ai controlli».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La concessione del Durc era stato motivo di protesta da parte delle associazioni di categoria, che negli ultimi due mesi hanno dato vita a diverse manifestazioni, l'ultima delle quali lo scorso 11 giugno in via Cornigliano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bassetti: «In ospedale al primo sintomo influenzale per la paura che è stata trasmessa»

  • Covid, nuove regole in Liguria: alle superiori lezioni a casa a rotazione, "coprifuoco" in 4 zone di Genova

  • Covid, il coprifuoco per frenare il contagio: cosa succede nelle zone rosse. Ospedali in affanno

  • Auto pirata travolge gruppo di giovani a Quezzi, 4 feriti gravi tra cui una ragazza incinta

  • Dialetto curioso: "massacan", da dove deriva questa parola antichissima?

  • Il postino di "C'è posta per te" arriva a Torriglia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento