menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Doria: ecco cosa chiedono i cittadini al nuovo sindaco di Genova

Dopo le elezioni amministrative che hanno dato la poltrona di sindaco a Marco Doria, Genova Today è scesa in campo e ha intervistato i cittadini genovesi: ecco le loro richieste, tra sicurezza, tasse, infrastrutture e lavoro

Tasse, lavoro, sicurezza e sanità. Questi solo alcuni delle problematiche che il nuovo sindaco di Genova, Marco Doria dovrà affrontare prima di ogni altra cosa per soddisfare i cittadini di Genova.

Un ordine di priorità scandito dal sondaggio di Genova Today e ribadito, con toni alquanto forti da studenti e lavoratori, intervistati sul territorio i giorni seguenti alla vittoria del candidato del centrosinistra.

Pareri discordi ovviamente, vista anche i diversi ideali politici, nonché professione e residenza degli intervistati. Traspare una grande sfiducia non tanto per il sindaco in sé, ma per la politica, dato già evidente considerata la bassissima affluenza delle elezioni.

Ecco alcuni stralci delle dichiarazioni più interessanti dei cittadini che si sono prestati ai microfoni di Genova Today.

Alessandro, 22 anni, giornalista, residente a Pontedecimo: «Non sono soddisfatto dell'esito elettorale, ma al nuovo sindaco chiedo di instaurare una partnership fra Milano e Genova, visto lo stesso “colore” della giunta comunale. Un esempio in tal senso potrebbe essere quello di sviluppare un progetto comune di trasporto pubblico per venire incontro alle esigenze dei tanti pendolari che fruiscono di questa tratta».

Stefano, 25, studente, residente a Cornigliano: «Sono contento che abbia vinto Doria, gli ho dato il mio voto e mi aspetto tanto da lui. Cornigliano deve essere rivalutata, abbiamo bisogno di infrastrutture e un immediato intervento che velocizzi i lavori nella zona ex Ilva. La moschea? Con tutti i problemi che abbiamo, penso che le cose da fare siano ben altre per il momento. Per iniziare si potrebbe intervenire sulla stazione ferroviaria».

Giuliana, pensionata, residente in Largo San Francesco da Paola: «Ho piena sfiducia nelle istituzioni, non credo più a nessuno. Spero almeno che si ricordino di noi anziani, giusto dare spazio ai giovani, ma non per questo bisogna dimenticare noi pensionati».

Germano, 60 anni, artigiano, residente a San Gottardo: «La nostra zona paga più del dovuto l'assenza di una stazione ferroviaria. Sarebbe necessario trovare soluzioni alternative come migliorare il servizio dell'Amt o addirittura prolungare la linea della metropolitana che arrivata a Brignole. Inoltre sono sempre più frequenti episodi di microcriminalità e penso che la presenza del campo rom situato nei pressi del campo XXV Aprile possa esserne la causa».

Viviana, pensionata, residente a Lagaccio: «Cosa chiedo a Doria? Sinceramente ho votato Musso, perché questa città avrebbe bisogno di cambiamenti. La Vincenzi non ha fatto nulla per Genova dal mio punto di vista, e dare continuità politica al governo penso sia stato un errore».

Ciro, 42 anni, operaio, residente a Sampierdarena nel problematico quartiere del Fossato: «Questa via ormai sembra una baraccopoli, viene utilizzata come discarica e nessuno se ne preoccupa. Inoltre ci sono sempre stranieri che rovistano nella spazzatura rovinando il decoro della nostra delegazione e spesso di notte si aggirano persone losche per il quartiere e non è un caso se poi si ritrovano macchine aperte o vetri spaccati. Quindi chiedo più sicurezza, controlli, che non ci lascino da soli».

Rosangela, 50 anni, impiegata, residente a Sestri Ponente: «Ho votato Doria, perché è una persona che mi ispira fiducia, anche per la sua amicizia con don Gallo, persona che io ammiro. Cosa gli chiedo? Che non aumenti l'Imu, siamo stanchi di pagare».

Maria, 45 anni, commessa, residente ad Albaro: «Cosa chiedo a Doria? Sarò banale, ma a Genova bisogna risolvere il problema parcheggi. Siamo una delle città più care d'Italia, uscire in macchina è diventato praticamente impossibile».

Giuseppina, 60 anni, impiegata, residente a Prà: «Non ho votato, perchè non credo nelle istituzioni. Cosa chiedo al nuovo sindaco? Sicurezza e infrastrutture, Prà merita di più».

Attendere un istante: stiamo caricando il sondaggio...

Cosa chiedo al nuovo sindaco?



Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

social

Arisa si sposa con Andrea Di Carlo: tutti i dettagli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento