rotate-mobile
Politica

Depositi chimici, scontro in municipio, Chiarotti (Pd): "Maggioranza contraria a percorsi partecipati"

Bocciata una mozione presentata dall'opposizione che chiedeva di riportare la discussione davanti alle commissioni consiliari

Accesa discussione sul trasferimento dei depositi chimici da Multedo, mercoledì, in consiglio municipale a ponente.

A presentare una mozione sul tema - chiedendo al presidente Barbazza di rilanciare con le commissioni comunali l'esigenza di spostare i depositi da Multedo - il Pd, la lista Rossoverde, Genova Civica e M5s. "La sentenza del Tar parla chiaro - ha detto Claudio Chiarotti, capogruppo Pd che ha illustrato il documento - ha azzerato il percorso relativo allo spostamento a ponte Somalia e smentisce anche la mozione della maggioranza in Municipio Ponente che voleva spostare i depositi proprio lì decidendo così per un altro territorio, il Centro Ovest, cosa mai vista. C'è un altro grave fatto: il Tar ha definito che è stato usato in maniera impropria da parte del commissario il portafoglio di 30 milioni di euro per spostare i depositi. Era l'unica occasione che avevamo e ce la siamo bruciata. Facendo le cose veloci, come sempre, si fa male e c'erano mille campanelli d'allarme". E ora il timore è che i depositi rimangano a Multedo.

Premesso questo, "tutti però abbiamo voglia di spostare i depositi il prima possibile, dunque torniamo a fare una discussione seria anche con gli elementi nuovi sulla realizzazione della diga che porterà anche dei tombamenti. Cerchiamo di portare la discussione nelle aule competenti, nei consigli democraticamente eletti, tra le forze politiche e i cittadini. Chiediamo anche chiarezza sull'espansione del porto a Pra', perché nelle intercettazioni relative all'inchiesta sulla corruzione in Liguria il sindaco Bucci diceva che il Municipio era d'accordo". 

L'opposizione chiede di ricominciare dalle location individuate dall'Università prima che il discorso si spostasse su ponte Somalia (ex carbonile Enel, terminal Messina, Cornigliano zona Ilva e diga foranea di Cornigliano), ma fondamentalmente ai cittadini del ponente preme che i depositi possano andare via da Multedo. "Stiamo costruendo una diga che amplierà gli spazi a terra, vorrei chiedere un'audizione alle commissioni consiliari preposte, abbiamo l'urgenza che la discussione sui depositi costieri non muoia. Dalla sentenza del Tar in poi non ne ha più parlato nessuno" ha concluso Chiarotti.

Contestualmente, la Lega ha presentato un ordine del giorno, ed è partita la discussione. "Siamo tutti d'accordo che i depositi devono essere rimossi - ha rimarcato il consigliere Marco Durante - lì non vanno bene". L'odg - che accoglieva anche emendamenti su proposte dell'opposizione - è stato approvato all'unanimità.

Al momento di votare la mozione della minoranza, però, sono arrivate le critiche della maggioranza: "Il Tar ha suggerito come strumento approvativo la via ministeriale e questo procedimento è stato avviato nei primi giorni di gennaio 2024. Non parla di eccesso di potere del sindaco commissario. Mancanza di percorso partecipato? È stato fatto un dibattito pubblico durato mesi. E l'accenno ai fatti giudiziari è fuori luogo. Prima conviene aspettare le motivazioni del ministero della Cultura, poi semmai apriremo discussioni su altri siti" ha detto la consigliera di Vince Genova Maria Rita Campobasso. Sebbene in consiglio comunale la stessa giunta si sia impegnata a cercare un'area alternativa. "Sono molto preoccupata perché ho timore che tutto questo porterà a tempi notevoli per lo spostamento, non sarei contro l'opzione zero, ovvero la chiusura" è il commento di Simona Vallarino, gruppo misto. Il documento del centrosinistra alla fine è stato respinto, mentre rimane approvato l'odg della Lega, pur collegato alla mozione.

"Ritengo grave - commenta Chiarotti - il fatto che questa maggioranza continui a essere succube della volontà del Sindaco e sempre contraria a percorsi partecipati che possano consentire la discussione nelle sedi deputate e non nelle segrete stanze". E ancora, dagli altri consiglieri di opposizione: "La maggioranza dichiara di voler cercare la convergenza sul tema e poi un minuto dopo ci ritroviamo con il Municipio diviso su questo argomento importante per il territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Depositi chimici, scontro in municipio, Chiarotti (Pd): "Maggioranza contraria a percorsi partecipati"

GenovaToday è in caricamento