rotate-mobile
Politica Sampierdarena

Depositi chimici, Colnaghi replica a Bucci: "Le alternative ci sono, pronti a ricorrere al Tar"

Il presidente del municipio Centro Ovest: "Attendiamo il documento dell'Autorità Portuale, per il ricorso serve un atto ufficiale. I 130 milioni per Sampierdarena? Non possono essere contropartita per un progetto che reputiamo sbagliato"

Si infiamma il dibattito sul progetto di spostamento dei depositi chimici da Multedo alla zona portuale su ponte Somalia a Sampierdarena. Martedì 18 gennaio 2022 è andato in scena il consiglio comunale a porte chiuse durante il quale sono stati presentati e discussi molti ordini del giorno, bocciato quello presentato dalle opposizioni (esclusa Italia Viva) che chiedeva di subordinare ogni decisione al confronto con cittadini, municipi, operatori economici portuali e istituzioni competenti, approvato invece quello presentato dal Pd e volto a prendere in considerazione alternative a Ponte Somalia.

Il sindaco di Genova Marco Bucci ha ribadito la sua convinzione nel progetto spiegando che "Ponte Somalia è pienamente compatibile con l’operazione" e ha poi invitato "chi propone di guardare ad altre aree, alternative a ponte Somalia, di dire al Comune esattamente dove sarebbero. Noi siamo disponibili - ha aggiunto Bucci - a cambiare decisione, ma soluzioni alternative quali calata Anzio non vanno bene, trattandosi del punto dove passeranno navi da crociera e traghetti, quindi un posto pericoloso a detta di tutti i tecnici. Al di sopra di tutto ci deve essere l’esigenza dei cittadini di Sampierdarena". Bucci ha poi parlato di investimenti per il quartiere e di un piano da 130 milioni di euro al quale stanno lavorando gli assessori Piciocchi e Cenci: "Cito ad esempio - ha concluso il sindaco - i parcheggi interrati per via Cantore, il tunnel fonoassorbente per Lungomare Canepa, la palestra e la strada del Campasso e il Parco della Memoria. Abbiamo un’importante disponibilità economica che vogliamo impiegare per Sampierdarena, ribadendo inoltre il nostro obiettivo e la nostra promessa, che è quella di portare via i depositi da Multedo".

Fuori da palazzo Tursi è andata in scena la protesta di cittadini e comitati con il municipio Centro Ovest presente con i suoi esponenti politici. Il presidente Michele Colnaghi spiega a Genova Today: "Qualcuno ha ironizzato sulla scarsa partecipazione, ci tengo a ricordare che la presenza era ridotta per il rispetto delle norme anti covid e in accordo con la questura. Ogni comitato ha portato massimo due persone come da accordi, quando la curva pandemica scenderà chi ironizza si accorgerà di quante persone sono contrarie a questo progetto che io definisco folle". 

Sulla discussione in aula Colnaghi osserva: "Il centrodestra si è appiattito sui voleri del sindaco, mi sarei aspettato prese di posizione diverse da parte di alcuni consiglieri che nelle scorse settimane avevano rilasciato dichiarazioni d'amore nei confronti del quartiere".

Bucci ha stuzzicato le opposizioni chiedendo di proporre delle valide alternative, secondo Colnaghi esisterebbero altre soluzioni: "Ne abbiamo già parlato in altre occasioni, al sindaco chiedo se sulla diga è stato fatto uno studio di fattibilità e se effettivamente, come dice, non è una strada percorribile. Nei famosi dialoghi con l'università non si era parlato di Ponte Somalia, questo secondo me dimostra che non si sono sondate tutte le possibili alternative. Secondo noi se non ci sono altre soluzioni compatibili in città o si riconvertono in green o si chiudono. Ci sono 62 dipendenti che potrebbero essere riassunti dal Comune, anche se sappiamo che servirebbe un bando". 

Il sindaco ha poi parlato di investimenti e di un piano da 130 milioni di euro per il quartiere, il presidente del Municipio Centro Ovest rimane però scettico: "Per quello che riguarda il il tunnel fonoassorbente per Lungomare Canepa, che è stato citato in aula, al momento è stato finanziato solo uno studio di fattibilità, ma si tratta di un'opera che andrebbe a tutelare un'altra servitù che ha colpito il quartiere, ovvero la strada a sei corsie a un metro dalle case e zero dal municipio, per il resto sfido chiunque a dirmi in questi quattro anni e mezzo cosa ha fatto il centrodestra per Sampierdarena. Ho fatto tante proposte su giardini e ville storiche, ma non si è concretizzato nulla. Stamattina sono andato a vedere una villa storica abbandonata sotto al Wtc con i proprietari e proporrò l'acquisto come già avevo fatto per un'altra in piazza Montano, poi non andata in porto. Ben vengano quei 130 milioni da parte del governo centrale se verranno usati per il Centro Ovest, ma non possono servire come contropartita per questo progetto che noi reputiamo sbagliato". 

Quali saranno i prossimi passi del fronte del no? "Entro il 30 gennaio aspettiamo il documento prodotto dall'Autorità Portuale, al momento nonostante i solleciti non abbiamo ancora avuto modo di visionare nulla. Scaduti i termini, se non avremo notizie, faremo un accesso agli atti per vedere cosa contiene e poi decideremo i passi successivi, che potrebbero essere in tribunale. Al momento non abbiamo potuto ancora fare ricorso al tar perché non esiste un atto ufficiale, quando ci sarà, se quello che leggeremo andrà contro le nostre osservazioni, procederemo".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Depositi chimici, Colnaghi replica a Bucci: "Le alternative ci sono, pronti a ricorrere al Tar"

GenovaToday è in caricamento