Politica

Un banco farmaceutico per i meno abbienti, Tursi approva

Il consiglio comunale ha approvato all’unanimità una mozione che impegna sindaco e giunta a valutare l’istituzione di un banco farmaceutico dove i cittadini o i titolari possano donare farmaci generici per chi non ha le possibilità economiche di acquistarli

Il consiglio comunale di Genova nella seduta di martedì 20 luglio 2020 ha approvato all’unanimità una mozione, presentata da Davide Rossi della Lega con  Lorella Fontana e Francesca Corso, per la creazione di un banco farmaceutico per le persone meno abbienti, come già avviene in altre città italiane.

La mozione impegna sindaco e giunta a valutare l’istituzione di un banco farmaceutico all’interno delle farmacie comunali dove i cittadini o i titolari possano donare farmaci generici per chi non ha le possibilità economiche di acquistarli, in modo da poterne usufruire gratuituamente.

Un'iniziativa che, secondo i promotori, dovrebbe coinvolgere i nove municipi cittadini permettendogli, vista la vicinanza con il territorio, di stabilire l’iter e le farmacie comunali da coinvolgere. Prevista anche la convocazione di una commissione consiliare comunale sull’argomento per dare pragmaticità alla proposta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un banco farmaceutico per i meno abbienti, Tursi approva

GenovaToday è in caricamento