menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Patent Box: cos’è e come funziona

La Patent Box è l'agevolazione fiscale introdotta dalla Legge di stabilità 2015 e prevede l'esclusione dalla tassazione di una quota del reddito derivante dall'utilizzo di opere dell'ingegno

Forse non tutti lo sanno, ma esiste un sistema di tassazione agevolato sui redditi derivanti dall'utilizzo di alcuni beni immateriali, e si chiama "Patent Box".

Nello specifico, la Patent Box è l'agevolazione fiscale introdotta dalla Legge di stabilità 2015 e prevede l'esclusione dalla tassazione di una quota del reddito derivante dall'utilizzo di opere dell'ingegno, di software protetto da copyright, di brevetti industriali, di marchi, di disegni e modelli, nonché di processi, formule e informazioni relativi a esperienze acquisite nel campo industriale, commerciale o scientifico giuridicamente tutelabili.

Nel 2017, in Liguria è stato firmato il primo accordo di Patent Box, chiuso dall'Agenzia delle Entrate regionalel. Nel caso ligure l'accordo ha prima definito i metodi e i criteri per calcolare l'apporto economico del marchio della società alla produzione del proprio reddito di impresa e, poi, proceduto a determinare la quota di reddito da agevolare riferibile all'utilizzo diretto del marchio.

Agenzia delle Entrate a Genova: tutte le informazioni

Il metodo di calcolo

Per la quantificazione del reddito agevolabile è stato utilizzato il metodo della ripartizione degli utili (tecnicamente Residual profit split), che permette di isolare il reddito attribuibile alle funzioni "routinarie" dal risultato economico d'impresa, consentendo la determinazione dell'utile o della perdita residua derivante dall'utilizzo dei beni intangibili.

L'accordo è efficace e produce effetto dal periodo di imposta in cui è stata presenta l'istanza di adesione al regime (nel caso ligure 2015) e per i quattro periodi di imposta successivi.

Gli obiettivi

Il regime ha l’obiettivo di rendere il mercato italiano maggiormente attrattivo per gli investimenti nazionali ed esteri di lungo termine, tutelando al contempo la base imponibile italiana, in quanto:

  • incentiva la collocazione in Italia dei beni immateriali attualmente detenuti all’estero da imprese italiane o estere;
  • incentiva il mantenimento dei beni immateriali in Italia, evitandone la ricollocazione all’estero;
  • favorisce l’investimento in attività di ricerca e sviluppo.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, Toti: «Dati positivi, oggi saremmo in zona gialla»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento