Dai falsi tamponi ai pacchi in giacenza: le nuove truffe del coronavirus

Un breve vademecum con tutte le nuove truffe: conoscerle è importante per non cascarci

Ogni situazione di emergenza ha i suoi "sciacalli", pronti a speculare e a cercare di truffare i cittadini.

E anche con il coronavirus sono state tante le nuove truffe introdotte nella nostra società da malviventi senza scrupoli che non hanno esitato ad approfittare del momento di debolezza e preoccupazione per far leva sui timori delle persone.

Ecco alcune delle truffe riscontrate a Genova e in Liguria: importante conoscerle per non cascarci. Ovviamente chi sospetta di essere vittima di una truffa deve rivolgersi immediatamente alle forze dell'ordine chiamando il numero unico 112.

Truffa del falso tampone

È probabilmente stata la prima truffa e quella che è diventata anche più tristemente famosa dall'inizio dell'emergenza: diffidare assolutamente di telefonate che annunciano l'arrivo di "addetti Asl" incaricati di fare tamponi a tappeto ai residenti. La Asl non ha mai fatto tamponi a domicilio, e non ha mai eseguito controlli a tappeto nelle case.

Falsi sms e mail dall'Inps

È una truffa legata alle difficoltà economiche in cui molti si trovano a causa della pandemia. Arriva sui telefonini delle persone (o sul pc, tramite e-mail) un falso messaggio dell'Inps che chiede di aggiornare i propri dati su un sito. Ma cliccando sul link viene installato sul telefonino un virus che permette ai truffatori di accedere al dispositivo, impossessandosi dei dati sensibili (password, dati delle carte di credito, e altro ancora).

Falsi volantini di "ispezioni per il coronavirus"

Sono stati trovati alcuni falsi manifestini con intestazione del Ministero dell'Interno appesi sui portoni dei palazzi, che annunciano visite delle autorità negli appartamenti per "controlli nei condomini e nelle abitazioni private" per il coronavirus.

Truffa sui buoni spesa

Nei mesi scorsi alcuni cittadini hanno segnalato avvisi di sedicenti addetti del Comune di Genova incaricati di "portare a domicilio" i buoni spesa dell'emergenza coronavirus: niente di più falso, il personale del Comune non porta i buoni nelle case.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il falso "sblocco" dei pacchi in giacenza

Una delle ultime trovate dei malviventi riguarda l'invio di un sms che annuncia l'arrivo di un pacco (circostanza plausibile, in questo periodo in cui lo shopping online è aumentato) che però è stato bloccato ed è in giacenza. Per sbloccarlo, viene richiesta la somma di 2 euro e per poterlo fare (ovviamente) bisogna lasciare i dati della propria carta di credito: meglio chiamare subito il 112.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nel fiume e batte la testa, muore nel trasporto in ospedale

  • Spesa da 150 euro all'Ipercoop, ma cerca di uscire pagandone solo 10

  • L'uomo più anziano della Liguria compie 108 anni

  • Incidente in Sopraelevata, grave scooterista: traffico bloccato

  • Coronavirus, solo 17 nuovi contagi nelle ultime ore

  • Coronavirus, Gimbe: «Contagio non è sotto controllo in Liguria, Lombardia e Piemonte»

Torna su
GenovaToday è in caricamento