Comprare casa a Genova: come scegliere l'immobile, il quartiere e il notaio

Dalla verifica dei documenti al controllo delle spese in sospeso: tutto quel che occorre sapere prima di questo grande passo

Acquistare casa è il sogno di molti (soprattutto a Genova magari con vista mare, o sulla riviera ligure come prima oppure anche come seconda casa) ed è un passo importante da fare con estrema attenzione. L’investimento finanziario non è da poco quindi è importante valutare bene l’appartamento prima di acquistarlo.

Prima di farvi carico del mutuo, è fondamentale capire se state acquistando la casa giusta per voi e per le vostre esigenze. Vediamo come scegliere l’abitazione dei vostri sogni.

Informarsi sul venditore

Quando si acquista casa può capitare di comprarla tramite agenzia o da un privato. Se nel primo caso è facile controllare l’affidabilità del venditore, nel secondo bisogna fare più attenzione.

È importante capire se la persona che abbiamo davanti è il reale proprietario dell’immobile o un procuratore con regolare mandato. In ogni caso è bene informarsi se hanno titolo per vendere casa e se il proprietario è in regime di comunione di beni. Questa evenienza merita un ulteriore approfondimento perchè dobbiamo essere certi che il coniuge sia consenziente alla vendita.

Nel caso di acquisto da parte di un’impresa, dobbiamo accertarci che non sia in fallimento e che quindi non ci siano sequestri sull’immobile.

Verifica dei documenti

Una volta che abbiamo accertato la legittimità del proprietario, è importante capire come è venuto in possesso della casa. Per questo dobbiamo richiedere i documenti che testimoniano l’acquisizione dell’immobile.

Questo è fondamentale perchè in caso di donazione o successione, ogni erede ha tempo dieci anni per contestare la divisione dell’eredità se la ritiene ingiusta.

Altro aspetto importante da controllare è la situazione ipotecaria. Solitamente questo controllo viene effettuato dal notaio. Di solito ci si reca alla Conservatoria dei registri immobiliari in cui è annotato se sulla casa ci sono ipoteche o pignoramenti.

Non meno importante, prima di procedere all’acquisto di un immobile è capire il suo accatastamento. In questo caso bisogna recarsi all’Agenzia del Territorio e richiedere una visura catastale.

Con questo documento si può capire se l’immobile è effettivamente stato costruito su terreno edile, se l’appartamento non è stato ricavato da spazi registrati come cantine, garage o soffitte.

Se si scopre che la casa è stata costruita abusivamente, il venditore deve richiedere un condono o un adeguamento dei dati della proprietà.

Condizioni dell’appartamento e spese in sospeso

Un acquisto così importante di certo non può essere fatto ad occhi chiusi, ma è fondamentale un sopralluogo. Per essere certi che l’appartamento è in buone condizioni, meglio contattare un esperto che controllerà la casa prima dell’acquisto. Il tecnico è in grado di capire se le crepe sono sinonimo di instabilità, se ci sono problemi di muffa, se l’impianto elettrico deve essere sostituito.

Infatti, gli impianti realizzati dopo il 27 marzo 2008 in base alla legge 37/08 devono avere una certificazione di conformità rilasciata dalla ditta che ha fatto l’impianto e l’Attestato di certificazione energetica, in cui si indica la classe energetica in cui rientra l’appartamento.

Tutto questo non solo vi assicurerà l’acquisto di un immobile in buone condizioni, ma se sono problemi risolvibili è un ottimo pretesto per rivedere il prezzo d’acquisto.

Anche per quando riguarda le spese condominiali bisogna fare attenzione. Se il proprietario ha un debito con il condominio, nel momento dell’acquisto in automatico verrebbero trasferiti ai nuovi proprietari.

Inoltre, bisogna informarsi se ci sono problemi di stabilità dell’edificio e se sono in programma lavori straordinari. Queste sono tutte eventualità che possono aiutare la compravendita a favore dell’acquirente per abbassare il prezzo dell’immobile.

Valore dell’appartamento

Trovare la casa dei sogni è il desiderio di tutti, questo non vuol dire che nel momento in cui ci troviamo davanti all’appartamento che rispecchia in pieno le nostre esigenze dobbiamo pagarlo più del dovuto. Quindi prima di accettare il compromesso è importante sapere i prezzi medi degli appartamenti nella zona in cui si trova la casa.

Le ricerche su internet per capire il prezzo medio degli appartamenti e quelli che somigliano alla casa che si vuole acquistare sono fondamentali per farsi un’idea. Inoltre, ci sono dei valori che ne fanno aumentare il prezzo, come l’esposizione al sole, il piano e la presenza dell’ascensore, lo stato del palazzo, il riscaldamento e la zona in cui si trova.

Come scegliere il quartiere

La zona, infatti, ha un ruolo importante sul valore della casa. Quindi meglio informarsi se è servita dai mezzi pubblici, se ci sono problemi con i parcheggi, se ci sono scuole e soprattutto se la zona è sicura o se si ha bisogno di sistemi d’allarme.

E poi ci sono molte altre caratteristiche personali di cui tener conto: la predisposizione a vivere in un quartiere "rumoroso" (per la movida o per il traffico) o più tranquillo, lontano o vicino dal posto di lavoro o dai parenti.

Il notaio

Come ricordato dall'Ordine dei Notai di Genova, l’acquisto di una casa è certamente una delle operazioni economiche più importanti nella vita di una persona e per tutelare al meglio i cittadini, lo Stato richiede che il contratto sia stipulato da un pubblico ufficiale imparziale e specializzato sulla materia: il notaio.

Il notaio, infatti, interviene per legge in posizione di terzietà e indipendenza rispetto a venditore e acquirente, garantendo che l’acquisto dell’immobile avvenga nel rispetto di tutte le norme di legge. Per questo motivo si consiglia l’acquirente (quasi sempre la parte debole della compravendita) di rivolgersi al notaio di fiducia fin dall’inizio delle trattative, prima ancora di firmare proposte di acquisto o contratti preliminari, che sono già vincolanti ed impegnativi, in modo da poter considerare insieme a lui ogni aspetto dell’operazione da compiere.

Vale la pena ricordare che la scelta del notaio è assolutamente libera (non deve essere imposta dall’agenzia immobiliare o dalla banca alla quale si è richiesto un mutuo), e spetta all’acquirente, essendo quest’ultimo tenuto al pagamento dei compensi, salvo diversi accordi con il venditore. 

La scelta del notaio, dunque, deve essere orientata dal rapporto di fiducia del cliente nei suoi confronti, anche in base al tempo dedicato e alla consulenza prestata per garantire un acquisto sicuro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se non si ha un notaio di fiducia, ci si può rivolgere a quello più vicino: sul sito del Consiglio Nazionale del Notariato è possibile trovare tutti i professionisti della provincia di Genova.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ex Rinascente, da ottobre arriva Axpo: inaugurazione con un omaggio a Genova

  • Elezioni regionali Liguria 2020, Toti oltre il 50%. Sansa: «Avventura finita»

  • Elezioni regionali, la mappa del voto a Genova

  • Un Premio Oscar a Genova: Helen Mirren pranza in una trattoria del centro

  • Coronavirus, individuato secondo cluster a Genova

  • Pré, donna accasciata a terra nel sangue: altro weekend di violenza in centro storico

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento