menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ascensore di Quezzi: apertura a dicembre

L'intervento, iniziato nel settembre 2012, si è concluso a metà settembre scorso, entrerà in funzione e verrà inaugurato nel prossimo dicembre

«È un'opera molto attesa che entrerà in funzione a fine anno agevolando molto la mobilità degli abitanti di Quezzi». Lo ha detto oggi, venerdì 3 ottobre, il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando presentando in conferenza stampa i lavori per l'ascensore pubblico di collegamento tra via Pinetti e via Fontanarossa, nel quartiere genovese di Quezzi, presenti l'assessore Raffaella Paita e l'assessore Anna Maria Dagnino del Comune di Genova.

I lavori sono stati commissionati dal Comune di Genova per un importo complessivo di 5 milioni 161 mila euro, provenienti da fondi della Regione Liguria (1 milione 384 mila euro) e da fondi del Comune di Genova (3 milioni 777 mila euro).

L'intervento, iniziato nel settembre 2012, si è concluso a metà settembre scorso, entrerà in funzione e verrà inaugurato nel prossimo dicembre. L'opera consiste nella costruzione, installazione e messa in esercizio di un ascensore pubblico, inclinato e automatico, per massimo 25 passeggeri, per il collegamento di via Pinetti con via Fontanarossa.

Il tracciato prevede un dislivello di 75,85 metri e un'inclinazione tra i 30 e i 44 gradi. Sono previste due stazioni, quella di partenza vicino all'imbocco ovest della ex galleria-rifugio antiaereo in via Pinetti, quella di arrivo in via Fontanarossa, e una fermata intermedia all'altezza di via Portazza.

Il profilo altimetrico del versante e l'esigenza di mantenere inalterato il tracciato stradale di via Portazza con l'area di parcheggio adiacente hanno determinato una lunghezza del tracciato di circa 131 metri: i primi 27 in galleria inclinata, i successivi 23 in trincea e i restanti 81 fuori terra.

L'ascensore è costituito da una cabina unica che si muove lungo due travi parallele; le travi, collegate con tralicciature, reggono le scale di servizio e poggiano, con intervalli tra i 9 e i 13 metri, su colonne metalliche incernierate a terra.

La cabina sarà basculante, per adattarsi al tracciato a pendenza variabile mantenendo il pavimento orizzontale. L'ascensore avrà una portata oraria di 300 passeggeri all'ora. Con l'entrata in funzione del nuovo servizio la linea 47 di Amt (Largo Merlo–Brignole) sarà prolungata fino alla stazione inferiore di via Pinetti, per garantire l'interscambio con il nuovo ascensore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Costume e società

Da dove deriva il nome del quartiere Marassi?

Coronavirus

Si presenta di notte all'hub per il vaccino, ma trova chiuso

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento