rotate-mobile
mobilità Foce / Piazza Paolo da Novi

In bici a scuola: per l'ultima campanella il Bicibusauro sforna l'album delle figurine dei partecipanti

Il conosciutissimo bike-to-school ha coinvolto 27 alunni della scuola primaria Nazario Sauro nell’ultima “tappa” dell’anno scolastico

Come incentivare i bambini (e le loro famiglie) a muoversi in modo sostenibile? Organizzando momenti condivisi e divertenti come il tragitto a scuola in bici, lo sanno bene gli organizzatori del BicibuSauro, il bike-to-school da record che ha coinvolto 27 alunni della scuola primaria Nazario Sauro nell’ultima “tappa” dell’anno scolastico 2023/2024, mercoledì mattina.

E che ha prodotto, per continuare a divertirsi anche in vacanza, uno speciale album di figurine. I protagonisti non sono né calciatori né cantanti, bensì tutte le persone che hanno preso parte al BicibuSauro e hanno contribuito a renderne possibile la realizzazione.

Durante il trasferimento nella sede temporanea di via Liri, per motivi di elevata pendenza della strada, che non consentiva il solo utilizzo della bici, il Comune di Genova, per mantenere viva l’iniziativa, ha messo a disposizione una navetta nel tratto compreso tra la vecchia e la nuova sede della scuola. Alle tre “edizioni” intermodali del BicibuSauro ha aderito complessivamente un terzo degli alunni di tutta la scuola primaria.

Partendo da piazza Paolo da Novi, alunni e accompagnatori – i cosiddetti “angeli custodi” – hanno quindi potuto continuare ad arrivare in corso Italia con il loro mezzo preferito, per poi proseguire con il bus fino alla destinazione finale.

L'iniziativa del BicibuSauro si è conclusa questa mattina e i bambini hanno consegnato all’assessore comunale alle Politiche dell’Istruzione e alla consigliera comunale e Mobility Manager dell’Istituto Comprensivo lo speciale album di figurine.

"Andare a scuola tutti insieme in bicicletta – dichiara l’assessore comunale alle Politiche dell’Istruzione Marta Brusoni – accompagnati da adulti volontari in qualità di 'angeli custodi', è una bellissima iniziativa per la mobilità sostenibile che la nostra amministrazione sostiene con entusiasmo. Infatti, alla base del bicibus come del pedibus ci sono valori importanti quali aggregazione, sostenibilità ambientale, sicurezza stradale e promozione del benessere psicofisico di grandi e piccoli. Valori che è importante portare avanti per la crescita culturale, sociale e ambientale della nostra città".

"È molto bello tornare in sella dopo mesi di assenza a causa del trasferimento della sede scolastica – ha dichiarato la 'locomotiva' del BicibuSauro Ica Arkel – Sono davvero contenta che il Comune di Genova si sia reso conto dell’importanza dell’iniziativa e abbia pertanto dotato i bambini di un mezzo per raggiungere la nuova scuola. Se tutto questo è stato possibile lo dobbiamo al Comune ma anche alla nostra instancabile Mobility Manager Tiziana Notarnicola, che ha sempre creduto nell’unicità e nell’importanza del BicibuSauro e lo ha difeso dall’estinzione. Il servizio navetta è stato particolarmente apprezzato dalle famiglie: più di un terzo degli alunni della scuola si reca a scuola in bicicletta, un vero record per una città come la nostra. Quest’anno molti dei pionieri della prima edizione hanno concluso il loro ciclo scolastico alla scuola primaria, e salutarli con un album celebrativo che riconosce la loro storia e i loro sforzi è davvero una cosa importante".

Infine qualche richiesta per il futuro: "Speriamo che il Comune si ricordi di noi e che voglia finanziare anche il prossimo anno questa importantissima iniziativa. Aspettiamo anche i cartelli del BicibuSauro, che sono per i bambini un riconoscimento sul territorio e alla loro costanza" conclude Arkel.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In bici a scuola: per l'ultima campanella il Bicibusauro sforna l'album delle figurine dei partecipanti

GenovaToday è in caricamento