rotate-mobile
life Zoagli

Il ruolo dei parchi tra transizione ecologica, green economy e turismo sostenibile. Il convegno a Zoagli

Legambiente e Federparchi, organizzatori dell'evento, chiedono al ministro di decidere sul parto di Portofino

Si terrà sabato 7 maggio dalle 9.30 alle 13.30 in piazza San Martino a Zoagli il convegno nazionale 'Il ruolo dei parchi tra transizione ecologica, green economy e turismo sostenibile' organizzato da Legambiente e Federparchi con il patrocinio del Comune di Zoagli.

Un'occasione per affermare con decisione come la tutela della biodervisità e delle aree protette può essere un incentivo per uno sviluppo sostenibile, diversamente dalle fake news che continuano a ruotare intorno al mondo dei parchi e della protezione dell'ambiente.

Ad affrontare e approfondire il tema saranno rappresentanti di diverse categorie, associazioni e enti locali che durante l'evento promuoveranno una corretta narrazione sulle aree protette. Aree protette valorizzate anche a livello europeo nell’assemblea di Europarc.

"L'assemblea  di Europarc, che si tiene proprio in questi giorni in Austria, sta affrontando - ovviamente su scala ampia - il tema che si discuterà a Zoagli a proposito del costituendo parco nazionale: ossia dell’idea della grande rete di tutela del territorio e di una sua valorizzazione intelligente - spiega Agostino Agostinelli, vicepresidente Federparchi mentre conferma come per Federparchi - il rafforzamento del sistema delle aree protette, che in Liguria passa anche attraverso la definizione non riduttiva del parco nazionale di Portofino, è l’obiettivo primario attorno a cui lavorare. Raggiungere il  30% di tutela del territorio, connettendo fra loro tutte le realtà (parchi nazionali, regionali, aree marine, rete natura 2000) è non solo un obiettivo europeo, ma una necessità vitale per la nostra realtà nazionale".

Anche per il Responsabile Aree protette e biodiversità di Legambiente, Antonio Nicoletti, non si può perdere altro tempo: "per il Parco nazionale di Portofino è il tempo di decidere, questo non significa che non ci sia ancora spazio per discutere e migliorare la proposta, ma deve essere chiaro che dopo quattro anni di tavoli tecnici, audizioni, ricorsi e controricorsi, il Ministero ha tutte le informazioni per decidere ed ha anche chiaro il quadro delle posizioni in campo. Perché, con buona pace di quanti continuano a diffondere fake news e agire con inutili fughe in avanti, la decisione finale tocca al Ministero che, sentiti i comuni e la Regione, le parti sociali ed i portatori di interessi, e sulla base delle evidenze tecniche e scientifiche ha oramai l’obbligo di portare la proposta davanti la Conferenza Stato Regioni Enti locali per sbloccare una situazione cristallizzata in cui nessuno muove passi in avanti e tutti scansano le responsabilità".

"Cominci il Mite portando la proposta, come prevede la legge, davanti all’istanza superiore della Conferenza in modo che ognuno si assuma le proprie responsabilità. Quello che per noi e chiaro - conclude Nicoletti - è che il Parco nazionale di Portofino si giustifica se, nel rispetto delle leggi e gli interessi statali, va oltre l’attuale area protetta regionale e la proposta definita dall’Anci è un ottimo punto di partenza, se individua un unico ente gestore per la parte terrestre e marina, e se le misure provvisorie di tutela e valorizzazione, che saranno definite nel decreto istitutivo dell’Ente parco nazionale, garantiranno al promontorio e al mare di Portofino le opportunità di conservazione e valorizzazione adeguate per un territorio e una meta turistica famosa nel mondo che con la nascita del Parco nazionale avrà ritorni positivi in chiave di sostenibilità e di lotta alla crisi climatica".

Di seguito gli interventi in ordine di svolgimento:

  • Fabio De Ponti, Sindaco di Zoagli
  • Massimo Caleo, ex Senatore promotore della legge istitutiva del Parco nazionale di Portofino

Introduce e coordina

  • Santo Grammatico Presidente Legambiente Liguria

Intervengono (10,15-13,30)

  • Roberto Manfredi, Presidente CAI Liguria
  • Enrica Maggiani, Delegata Ambiente FAI Liguria
  • Massimo Giacchetta, Presidente CNA Liguria
  • Daniela Borriello, Referente regionale Coldiretti Impresa Pesca
  • Alberto Girani, Comitato Tutti per il Parco
  • Antonio Leverone, Coordinamento per il Parco nazionale Portofino
  • Francesco Olivari, Sindaco di Camogli
  • Agostino Agostinelli, Vice Presidente nazionale Federparchi
  • Patrizio Scarpellini, Direttore Parco Nazionale delle Cinque Terre
  • Gaetano Benedetto, Presidente Centro Studi Fondazione WWF Italia
  • Alessandro Piana, Vice Presidente Regione Liguria*
  • Ilaria Fontana, sottosegretario Ministero della Transizione Ecologica*
  • Antonio Nicoletti, Responsabile nazionale Aree Protette e Biodiversità di Legambiente

* Interverranno con un audio messaggio.

L'iniziativa si svolgerà nel rispetto della normativa anti-covid. In caso di meteo avverso la conferenza verrà svolta presso la sala Consiliare del Comune di Zoagli, piazza XXVII Dicembre 2.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il ruolo dei parchi tra transizione ecologica, green economy e turismo sostenibile. Il convegno a Zoagli

GenovaToday è in caricamento