rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
life San Martino / Via San Martino

"Ci siamo rotti i polmoni", a Genova biossido di azoto fuori dai limiti fin dal 2010

Gli attivisti di Legambiente e Fiab hanno organizzato un flash mob presso la centralina Arpal di San Martino. "Abbiamo scelto la centralina di corso Europa per il nostro blitz perché i dati che fa emergere sono fortemente indicativi del degrado da traffico urbano che regna nella nostra città", ha spiegato Santo Grammatico, presidente di Legambiente Liguria

Nel pomeriggio di martedì 7 febbraio 2023 si è svolto l'ultimo atto della campagna Cleancities di Legambiente a Genova. Gli attivisti di Legambiente e Fiab hanno organizzato un flash mob presso la centralina Arpal di San Martino. La stessa centralina che secondo i dati Arpal nel 2022 ha superato il limite del valore medio annuale del biossido di azoto. L'indicatore medio annuo è stato di 54 μg/m³ contro un valore limite di 40 μg/m³. 

Gli attivisti hanno dispiegato uno striscione davanti alla centralina con su scritto: "Ci siamo rotti i polmoni, no allo smog". Le preoccupazioni di Legambiente sono evidenti dall'anteprima dei dati 2022 di Arpal dove emerge che l'agglomerato di Genova rientra fra le aree italiane inserite nella procedura di infrazione europea per lo sforamento del biossido di azoto, fuori dai limiti fin dal 2010. 

Ma quali danni provoca alla salute umana il biossido di azoto? Da fonti del Ministero della Salute, si legge: "può provocare irritazione oculare, nasale o a carico della gola e tosse. Alterazioni della funzionalità respiratoria si possono verificare in soggetti sensibili, quali bambini, persone asmatiche o affette da bronchite cronica".

"Di malattie respiratorie non ne abbiamo proprio bisogno in questo periodo di pandemia covid ancora presente - ha dichiarato Santo Grammatico, presidente di Legambiente Liguria -. Ricordiamo peraltro che per rispettare i parametri dell'Unione Europea per il 2030 gli attuali valori del biossido d'azoto dovranno essere abbattuti del 34%. Abbiamo scelto la centralina di corso Europa per il nostro blitz perché i dati che fa emergere sono fortemente indicativi del degrado da traffico urbano che regna nella nostra città".

"Non rompeteci i polmoni - aggiunge Romolo Solari, presidente di Fiab Genova aggiunge - è la frase che rivolgiamo a tutti coloro che chiedono il rinvio dell'ordinanza di divieto di circolazione degli Euro 1 benzina ed Euro 3 diesel a partire dal prossimo 1 marzo decisa dalla giunta comunale che ora tentenna e pensa a delle deroghe. La salute pubblica non può più aspettare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ci siamo rotti i polmoni", a Genova biossido di azoto fuori dai limiti fin dal 2010

GenovaToday è in caricamento