menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Raccolta differenziata, Genova maglia nera

Legambiente: sulla raccolta differenziata una regione a due velocità. Forte incremento in alcune zone, ancora al palo la città di Genova

La raccolta differenziata a Genova non decolla. È uno dei dati che emergono dal dossier 2016 di "Comuni Ricicloni", lo studio promosso da Legambiente Liguria con il patrocinio della Regione Liguria in collaborazione con l'Osservatorio rifiuti della Regione Liguria, con il sostegno di Conai, il Consorzio nazionale imballaggi.

Analizzando i dati della raccolta differenziata del 2015 presentati nel dossier emerge come i Comuni che vedono superare la soglia del 65% di raccolta differenziata passino da sedici a trentadue, il 13,8% delle amministrazioni liguri, ma che rappresentano solamente il 9% dei cittadini. Tirando le somme, in Liguria rispetto alla gestione sostenibile dei rifiuti sono ancora fuorilegge 1.434.166 abitanti sui 1.571.982 censiti.

Tra i trentadue comuni ricicloni, le prime quattordici posizioni sono occupate da comuni savonesi con percentuali di differenziata che superano il 70%. Tra questi vi sono sette comuni che entrano per la prima volta nella classifica dei migliori e lo fanno con grande autorevolezza: Giusvalla ha aumentato la propria raccolta tra il 2014 e il 2015 del 23%, Cairo Montenotte (il comune più popolato tra i primi quattordici savonesi classificati) del 20%, Cosseria 24%, Altare 29%, Dego 33%, Piana Crixia 23%, Boissano 47%.

Maglia nera per il Comune di Genova che, con un timidissimo aumento dello 0,86% rispetto al trascorso anno, si attesta al 34,57% e per la Provincia di Imperia che con soli tre comuni ricicloni è la peggiore fra le quattro liguri con il 35,02% mentre il Comune capoluogo arriva, con un aumento del 5,78%, al 36,93%.

Nella Città Metropolitana di Genova è evidente l'ottimo progresso registrato per il comune di Sestri Levante, che, con i suoi 18.529 abitanti, che decuplicano nel periodo estivo, passando a un nuovo e più efficace modello gestionale aumenta la rd in un anno del 39,17% attestandosi al 18° posto, come primo comune di questa porzione di territorio ligure con il 71,27%. Vengono confermati i risultati di Lavagna 68,69%, Pieve Ligure 68,47%, Recco 67,46% e Portofino 65,03%. Nuovo riciclone è il comune di Sori al 65,37%.

Tra i comuni con più di 15mila abitanti positivo il risultato ottenuto dal Comune di Chiavari con il 63,83%.

La città metropolitana di Genova, con solo sei comuni che raggiungono i valori previsti dalla legge, raggiunge il 38,65% (+2,14% sul 2014) e il Comune di Genova, con un timidissimo aumento dello 0,86% rispetto al trascorso anno, si attesta al 34,57%.

«Quello che risulta evidente - sottolinea Santo Grammatico, presidente di Legambiente Liguria - è una regione a due velocità: nelle zone dove la pianificazione e l'affidamento della raccolta dei materiali post consumo sono stati seguiti con attenzione, la differenziata ha fatto balzi da gigante. Ma i bassi risultati mostrati in altri ambiti mostra chiaramente come gestire i rifiuti con logiche oramai superate è inefficace, ambientalmente pericoloso e dispendioso. La nuova delimitazione dei territori in Bacini di Affidamento che raggruppano i diversi comuni dove organizzare e affidare in maniera unitaria la gestione dei rifiuti risulta efficiente e sostenibile a livello economico ed ecologico. L'analisi dell'andamento percentuale della differenziata, per tre di questi Bacini, dal 2006 al 2015 sulla nuova edizione del dossier non fa altro che confermare quanto siano efficaci le nostre proposte. Infine – conclude Grammatico - ricordiamo l'importanza della governance di questi processi sul territorio che hanno portato risultati positivi come nel caso del progetto Life-Smile o con Riciclaestate, campagna che ha coinvolto venti comuni costieri nel periodo estivo con azioni di informazione e sensibilizzazione, svolta in collaborazione con Conai» conclude Grammatico. 

«I dati evidenziano ancora ampi margini di crescita della raccolta differenziata - sottolinea Luca Piatto, responsabile Area Rapporti con il Territorio di Conai - e certamente essi sono fortemente influenzati dai dati del capoluogo, con tutte le criticità di una realtà così complessa. Vi sono peraltro buone prospettive: Conai sta collaborando con il Comune di Genova e con Amiu per incrementare quantità e qualità delle raccolte differenziate. Vedere il Comune di Genova tra i soggetti premiati è forse oggi una prospettiva molto ambiziosa; speriamo però che già nel 2017 si colgano i primi risultati che rendano concreta tale prospettiva».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, focolaio all'ospedale Galliera

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento