menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Torna Goletta Verde e la Liguria fa i conti con un mare sempre più 'illegale'

Preoccupano i dati del dossier Mare Monstrum. La Liguria peggiora la propria posizione passando dal nono posto in classifica al settimo

Torna la Goletta Verde di Legambiente, che quest'anno sarà in Liguria dal 24 al 29 luglio con una formula inedita: puntando sul coinvolgimento dei cittadini per difendere le acque e le coste italiane; centinaia di volontari saranno impegnati nei campionamenti delle acque e nel censimento dei rifiuti lungo le coste.

I dati e le storie del dossier Mare Monstrum ci consegnano, invece, un Paese che nel 2019 ha registrato oltre 23mila infrazioni accertate da Capitanerie di porto e forze dell'ordine, +15,6% di aggressioni illegali all’ecosistema marino rispetto al 2018 e 520 milioni di euro di beni sequestrati, anch’essi in crescita (+11,2%).

Per quanto riguarda la Liguria preoccupano i dati del dossier Mare Monstrum dove i consuntivi dell’anno 2019 peggiorano rispetto a quelli del 2018. Nella classifica generale del “Mare illegale” che considera i reati collegati a iIlegalità nel ciclo del cemento nelle regioni costiere, inquinamento da depuratori, scarichi fognari e idrocarburi, inquinamento del suolo e radioattivo, pesca illegale, codice navigazione e nautica da diporto, la nostra regione peggiora la propria posizione passando dal nono posto in classifica al settimo. 

Nel 2018 infatti le infrazioni accertate complessivamente ammontavano a 883 mentre nel 2019 sono salite a 1393 portando la percentuale delle infrazioni totali dal 4,3% al 5,9% rispetto alle infrazioni nazionali. Per km lineare di costa significa che avvengono 4 infrazioni all’anno, una ogni 250 metri. A pesare sul peggioramento della situazione l’analisi dei dati sul cemento illegale.

Pur non essendo più gli anni della “conquista” della costa ad ogni costo, dove l’abusivismo era una pratica assodata e fiorivano gli ecomostri, risultano decisamente importanti il numero delle infrazioni accertate nel ciclo del cemento illegale dove la Liguria risulta settima nella classifica regionale, dove le infrazioni accertate passano dalle 232 del 2018 alle 555 del 2019. 

Le persone denunciate e arrestate aumentano da 425 a 523 e i sequestri effettuati passano da 42 a 70. Preoccupa anche la situazione della pesca di frodo dove la Liguria risulta quarta nella classifica regionale (mantenendo questa posizione dallo scorso anno). In questo settore aumentano le infrazioni accertate da 360 a 549 così come le persone denunciate (da 360 a 547) e il numero dei sequestri effettuati, da 9 a 11.

Un miglioramento lo si percepisce invece nella classifica del “Mare inquinato”, collegata soprattutto alla presenza di scarichi abusivi di acque non depurate e non allacciate alla rete fognaria. In questo caso la nostra regione passa dalla nona posizione alla tredicesima e le infrazioni accertate diminuiscono dalle 242 del 2018 alle 165 del 2019. Diminuzione anche per le persone denunciate e arrestate (da 311 a 363) e per i sequestri effettuati, da 42 a 70.

Fondamentale, come sempre, il contributo dei cittadini cui è dedicato il claim delle due campagne “La Goletta più importante sei tu”. Tramite il form di SOS Goletta, si potranno segnalare a Legambiente situazioni sospette di inquinamento di mare, laghi e fiumi per consentire all’associazione e ai suoi Centri di azione giuridica di valutare la denuncia alle autorità.

È possibile consultare e scaricare il dossier Mare Monstrum 2020 sul sito legambiente.it.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, Toti: «Riaperture dal 20 aprile, ci sono le condizioni»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento